Bromelina: proprietà e benefici

Bromelina o Bromelaina

La bromelina è una complessa miscela di enzimi proteolitici estratta dall’ananas.

In natura, abbonda sia nel gambo che nel frutto dell’ananas. Tuttavia, il gambo la contiene in concentrazioni nettamente maggiori.

È quindi importante sottolineare che mangiare ananas non produce gli stessi benefici per la salute ottenibili con l’integrazione di bromelina 1.

La bromelina estratta dal fusto o dal gambo dell’ananas è quella più usata negli integratori perché ha un contenuto maggiore di proteasi (enzimi proteolitici) 2, 3.

È stato dimostrato che la maggior parte dei benefici non è dovuta a un particolare enzima presente nella bromelina. Piuttosto, ci sono probabilmente molteplici fattori coinvolti nei suoi effetti positivi per la salute umana 4, 5.

Benefici e Indicazioni

  • Cattiva Digestione
  • Artrosi e Infiammazione
  • Azione Antiedemigena
  • Attività Antibiotica
  • Azione Miorilassante
  • Attività Antitumorale
  • Guarigione delle Ferite
  • Malattie Cardiovascolari
  • Bromelina e Covid-19
  • Dosi e Modo d’Uso
  • Effetti Collaterali

A Cosa Serve

La bromelina può aiutare a spegnere l’infiammazione e ridurre il dolore da artrosi e interventi chirurgici. Infatti, la bromelina:

  • combatte l’infiammazione
  • favorisce il riassorbimento di edemi e infiltrati nei tessuti, formatisi a seguito di ferite o di interventi chirurgici.

Inoltre, promuove la guarigione delle ustioni e aiuta a ridurre le infiammazioni delle prime vie respiratorie (sinusiti, otiti, riniti, tracheiti, tonsilliti).

In flebologia, può essere sfruttata nel trattamento dei sintomi di insufficienza venosa, varici ed emorroidi (anche associandola a principi attivi vaso-protettori, come gli estratti di mirtillo, rusco e centella).

Oltre ai suoi usi medicinali, la bromelina è stata utilizzata in molti altri settori come l’industria alimentare e della birra, nonché nei settori dell’abbigliamento, cosmetico e farmaceutico.

Benefici e Indicazioni

In base ai dati attualmente disponibili, l’uso della bromelina potrebbe risultare utile come:

  • ausilio digestivo;
  • antinfiammatorio;
  • antisettico;
  • miorilassante;
  • inibitore dell’aggregazione piastrinica;
  • antiulcera;
  • regolarizzante dell’appetito;
  • cicatrizzante.

Cattiva Digestione

L’attività proteasica della bromelina si è rivelata potenzialmente utile come sostituto dei classici enzimi digestivi quali la tripsina e la pepsina.

In questo senso, l’assunzione di bromelina immediatamente prima di un pasto potrebbe facilitare i processi digestivi, soprattutto in quei pazienti con deficit enzimatico legato, ad esempio, a un’insufficienza pancreatica.

Uno studio ha dimostrato che i partecipanti con insufficienza pancreatica hanno sperimentato una migliore digestione dopo aver assunto un integratore di enzimi digestivi contenente bromelina, rispetto all’assunzione dello stesso integratore di enzimi digestivi senza bromelina 6.

Un altro studio ha dimostrato che la bromelina, in combinazione con alginato di sodio, bicarbonato di sodio e oli essenziali, ha migliorato significativamente i sintomi della dispepsia (cattiva digestione) 7.

Infine, la combinazione di bile di bue, pancreatina e bromelina si è dimostrata efficace nel ridurre l’escrezione di grasso nelle feci nei pazienti con steatorrea pancreatica, con conseguente miglioramento sintomatico del dolore, della flatulenza e della frequenza di evacuazione 8.

Artrosi e Infiammazione

Numerosi studi hanno descritto l’attività antinfiammatoria della bromelina.

Più precisamente, a questo enzima vengono attribuite attività proteolitiche e fibrinolitiche in ambiente infiammatorio, e un’attività inibitoria sulla sintesi di prostaglandine infiammatorie.

L’azione antinfiammatoria della bromelina può rivelarsi preziosa nel controllo dell’evoluzione flogistica in differenti patologie, anche di natura osteo-articolari.

  • La bromelina ha ridotto il gonfiore dei tessuti, il dolore e la rigidità articolare in 2 studi clinici su 117 persone con artrosi del ginocchio. In uno di essi, si è dimostrata efficace quanto il farmaco antidolorifico diclofenac 9, 10.
  • In 77 pazienti con artrite reumatoide o osteoartrosi, la bromelina (400 mg) ha migliorato i sintomi generali, ridotto la rigidità e migliorato la funzione fisica 9.

Diversi studi hanno dimostrato che la bromelina può ridurre l’infiammazione, il gonfiore, i lividi e il dolore che si manifestano dopo l’intervento chirurgico. Sembra anche ridurre i marker di infiammazione 11.

Azione Antiedemigena

La bromelina aiuta a ridurre l’edema infiammatorio (accumulo di liquidi), a riassorbire l’ematoma e a risolvere il processo infiammatorio.

In questo modo velocizza il ripristino delle condizioni fisiologiche e la ripresa della funzionalità della zona lesa in seguito a traumi o interventi chirurgici.

Quest’azione antiedemigena può essere spiegata sulla base dell’attività fibrinolitica e in parte proteasica della bromelina.

Infatti, la possibilità di rimodellare adeguatamente la matrice, impedendo la formazione di macromolecole osmoticamente attive, risulterebbe preziosa nell’impedire l’accumulo di liquidi extracellulari e nel prevenire il conseguente edema post-infiammatorio (gonfiore).

L’attività antiedemigena della bromelina si rivela clinicamente preziosa in corso di tromboflebite, cellulite, trombosi venosa profonda, ecchimosi ed edema traumatico o post-chirurgico.

Ad esempio, uno studio ha descritto che la bromelina è stata utile nel trattamento della tromboflebite acuta, diminuendo la compromissione della deambulazione e i sintomi dell’infiammazione (come dolorabilità, edema e dolore) 12.

Un altro studio ha enfatizzato i benefici dell’uso postoperatorio della bromelina in otorinolaringoiatria. È stata infatti osservata una diminuzione della gravità del dolore, del gonfiore e dei segni di infiammazione. Inoltre, l’effetto antiedemigeno è stato il beneficio più significativo durante il periodo di convalescenza postoperatoria 13.

Attività Antibiotica

L’attività antibiotica della bromelina risulterebbe per lo più indiretta, aumentando sia i livelli sierici di svariati antibiotici che la biodisponibilità tissutale degli stessi 14.

La bromelina può aumentare l’assorbimento di penicillina e tetracicline (antibiotici che combattono le infezioni batteriche). Potrebbe anche aiutare a ridurre i loro effetti collaterali 1, 15, 16, 17.

È stato dimostrato che la terapia antibiotica combinata con bromelina ha rivelato una maggiore efficacia (in contrasto con l’antibiotico usato da solo) in molti stati patologici, ad esempio sinusite, bronchite, polmonite, pielonefrite, tromboflebite, ossessioni perirettali e rettali o infezioni cutanee causate da stafilococco 18, 19.

Nell’uomo sono stati osservati benefici:

  • associando bromelina, rutina e tripsina come terapia aggiuntiva nel trattamento della sepsi nei bambini 14;
  • associando Serenoa repens, selenio, licopene, bromelina e metilsulfonilmetano, come terapia aggiuntiva in pazienti con prostatite batterica cronica 20.

Negli studi su animali, l’integrazione di bromelina ha dimostrato di proteggere dalla diarrea causata da patogeni intestinali come Escherichia coli e Vibrio cholerae 21. In tal senso, la bromelina agirebbe ostacolando l’adesione dei patogeni alle pareti intestinali 22, 23.

Azione Miorilassante

Nonostante i meccanismi molecolari non siano ancora del tutto noti, differenti studi dimostrano come la bromelina possa espletare un’attività spasmolitica degna di nota, riducendo ad esempio l’intensità dei dolori in pazienti con dismenorrea.

Anche in questo caso sembrerebbe tuttavia intervenire l’attività antinfiammatoria, in particolare la riduzione della concentrazione ematica di PGE2.

La bromelina può avere proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche, sebbene non vi siano prove concrete a sostegno della sua efficacia per alleviare i crampi mestruali e il mal di testa 24, 2.

Attività Antitumorale

Numerosissimi studi stanno cercando di comprendere al meglio le potenziali attività antitumorali della bromelina, osservate in vitro nei confronti di carcinomi dello stomaco, mesoteliomi e altre patologie oncologiche.

Nonostante non vi siano ancora evidenze cliniche degne di nota, le ipotesi più accreditate sembrerebbero prevedere da un lato l’induzione del processo apoptotico, e dall’altro il potenziamento dell’attività antitumorale dei chemioterapici.

Studi in provetta hanno dimostrato che la bromelina potrebbe aiutare a combattere il cancro 25, 26. Studi in vitro e su animali hanno scoperto che la bromelina può stimolare il sistema immunitario a produrre molecole che rendono i globuli bianchi più efficaci nel sopprimere la crescita delle cellule tumorali ed eliminarle 26.

Sono chiaramente necessarie ulteriori ricerche basate sull’uomo prima di poter trarre conclusioni.

Guarigione delle Ferite

Le prove suggeriscono che la bromelina può aiutare ad accelerare la guarigione delle ustioni profonde.

Oltre agli enzimi che degradano le proteine, gli estratti di ananas contengono un enzima (escarasi) che aiuta a rimuovere i tessuti morti e ad accelerare la guarigione della ferita 27.

Per questo motivo, il debridement a base di bromelina ha dimostrato di essere un efficace agente per lo sbrigliamento della ferita e la rimozione delle cellule necrotiche.

In 5 studi clinici su oltre 350 persone con ustioni profonde, il trattamento enzimatico con bromelina ha guarito le ferite con un’efficacia simile ai trattamenti convenzionali e ha ridotto la necessità di un intervento chirurgico 28, 29, 30, 31, 32.

Malattie Cardiovascolari

Diversi studi indicano che la bromelina può ridurre o minimizzare i sintomi associati a varie malattie cardiovascolari 33.

In particolare, la bromelina:

  • aumenta l’efficienza del cuore, migliora il flusso arterioso, diminuisce le dissezioni arteriose e aumenta l’angiogenesi 34, 35;
  • aumenta la permeabilità della parete dei vasi sanguigni; di conseguenza, migliora l’assorbimento di ossigeno e nutrienti 36, 37;
  • presenta attività fibrinolitica, aiuta a inibire la formazione di trombi e riduce l’aggregazione piastrinica 2;
  • usata per lunghi periodi svolge anche un ruolo antiipertensivo 2.

La bromelina provoca quindi la distruzione di trombi e diminuisce la viscosità del sangue. In questo modo aiuta a ridurre l’incidenza di angina pectoris e attacchi di cardiomiopatia transitoria 1. Può anche favorire la dissoluzione della placca aterosclerotica, riducendo così il rischio di malattia aterosclerotica.

In uno studio, 73 pazienti con tromboflebite acuta a cui è stata somministrata bromelina in combinazione con antidolorifici hanno manifestato una significativa diminuzione dei sintomi infiammatori come dolore, gonfiore e febbre alta 38.

Nei ratti, la somministrazione di bromelina ha ridotto i danni causati da un insufficiente apporto di sangue (ischemia). Di conseguenza, la bromelina ha ridotto la morte delle cellule cardiache e ha migliorato il recupero dopo un infarto o un ictus 34.

Bromelina e Covid-19

La bromelina è stata più volte indicata come un potenziale aiuto naturale nel trattamento di supporto della malattia da coronavirus COVID-19.

Agendo attraverso diversi meccanismi (antiossidanti, antinfiammatori, proteolitici immunomodulatori), la bromelina potrebbe infatti inibire o comunque contrastare l’infezione da SARS-CoV-2 39.

Ad esempio, potrebbe ridurre la capacità del virus di legarsi alle cellule e infettarle 40, 39, 34.

Inoltre, la bromelina esercita attività fibrinolitiche, antiinvasive e antitrombotiche che possono essere utile nel contrasto ai pericolosi effetti della tristemente famosa “tempesta citochinica” che caratterizza i quadri gravi della malattia 3, 41.

Integratore di bromelina da Ananas con funzione drenante e digestiva

Viridian by Natur

 

 

 

Nutri Bromelin - Integratore a base di Bromelina in CompresseNutri Bromelin – Integratore a base di Bromelina in Compresse

Nutriva

Alta biodisponibilità di bromelina,utile per mantenere la funzionalità del microcircolo
e aiutare il drenaggio dei liquidi in eccesso.

Integratore con Bromelina estratta da ananas utile per favorire la digestione e il drenaggio dei liquidi corporei

 

 

 

Bromelina – 500mg – 120 vcaps Now Foods

  • Ottenuta da ananas
  • Supporta la funzione gastrointestinale
  • Allevia i dolori osteo-muscolari
  • Sostiene una sana digestione
  • Migliora la sintesi proteica

 

 

 

Bromelina con curcuma – NOW Foods

  • Sostegno per il tessuto articolare
  • Antifiammatorio e antiossidante
  • Supporta uno stato emotivo sano
  • Supporta le naturali difese dell’organismo

Liberatoria (Disclaimer)

Dichiarazione di non responsabilità: questo articolo non è destinato a fornire consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Vitamineral non si assume responsabilità per la scelta degli integratori proposti eventualmente nell’articolo.


image_pdfsalva articolo in PDFimage_printstampa articolo o scarica contenuti