Colesterolo più basso e rischio di suicidio
Studio

Colesterolo e suicidio

articolo del Dr David Grimes

La falsa idea che il colesterolo sia cattivo si è radicata nella società. Questo è il risultato dell’ipotesi di dieta contro il colesterolo che è stato ritenuto la causa della pandemia del ventesimo secolo: la malattia coronarica (CHD). Tutto sbagliato.

Ma se “il colesterolo è cattivo”, significa che i nostri livelli ematici di colesterolo dovrebbero essere ridotti, e questo è sottolineato dagli “evangelisti del colesterolo”, che ci dicono “più basso è il meglio”. Questo vale per le persone che si considerano normali e, di conseguenza, spendiamo 20 miliardi di dollari ogni anno con farmaci a base di statine.
Se guardiamo solo al CHD, possiamo vedere dall’immenso studio di Framingham che è solo negli uomini al di sotto dei 50 anni che un alto livello di colesterolo nel sangue predice una morte precoce da CHD nei successivi 30 anni. All’età di 50 anni il rischio di morte è molto basso.

Se guardiamo al di là della CHD, non troviamo che un livello elevato di colesterolo nel sangue sia uno svantaggio e, in relazione a molte condizioni, può essere un vantaggio significativo. Tali condizioni sono principalmente infezioni – polmonite, infezioni post-operatorie, AIDS.

Lo studio Framingham e gli altri sono studi osservazionali. Questi sono molto importanti in quanto la scienza e la medicina iniziano con l’osservazione. Le conclusioni assolute non possono essere assunte in questa fase, e la “prova” è un concetto che diventa filosofico.

Il continuo dogma secondo cui il colesterolo fa sempre male non è corretto.

Suicidio

Uno studio interessante e chiaramente importante è stato recentemente pubblicato e riguarda le persone che sono morte a causa del suicidio, autolesionismo fatale.
Gli autori sono di Pechino e il giornale è pubblicato sul Journal of Psychiatry and Neuroscience (2016, volume 41).
Lo studio è una meta-analisi, una raccolta di 65 studi pubblicati che soddisfano criteri rigorosi per l’inclusione.
Quelli studiati includevano pazienti con comportamento suicidario, pazienti senza intenti suicidari e controlli sani.

I risultati sono riassunti come segue:

  • il livello medio (medio) di colesterolo sierico (totale) dei pazienti suicidari era significativamente inferiore rispetto a quello dei pazienti non suicidari e dei controlli sani;
  • confrontati con i controlli, i pazienti con tentativi di suicidio violenti avevano livelli più elevati di colesterolo rispetto a quelli con tentativi di suicidio non violenti;
  • il livello sierico di colesterolo LDL-colesterolo era significativamente inferiore a quello dei pazienti non suicidari e dei controlli sani (LDL è considerato il colesterolo “cattivo”);
  • i pazienti suicidari presentavano livelli sierici di colesterolo HDL significativamente più bassi rispetto ai pazienti non suicidari e ai controlli sani (l’HDL è considerato il colesterolo “buono”);
  • l’associazione tra bassi livelli sierici di colesterolo e suicidio era maggiore nei partecipanti di età inferiore ai 40 anni rispetto ai partecipanti più anziani nella maggior parte delle analisi;
  • confrontato con il più alto livello di colesterolo totale nel siero, un più basso livello di colesterolo totale nel siero è stato associato a un rischio di suicidio del 112% più alto, compreso un rischio di suicidio maggiore del 123% e un rischio di suicidio superiore dell’85%.

Le cifre mostrano i livelli di colesterolo più bassi nei pazienti suicidari. Non c’era alcuna differenza significativa tra i livelli medi di colesterolo nei pazienti non suicidari e i controlli sani.

Un commento degli autori, ma non un’osservazione dallo studio:

“Un numero crescente di segnalazioni solleva la possibilità che le statine, una classe di agenti ipolipemizzanti, possano essere associate a effetti avversi cognitivi, dell’umore e comportamentali deleteri, tra cui violenza, depressione e suicidio, che sono stati attribuiti all’effetto delle statine riduzione del livello di colesterolo sulla funzione cerebrale.

Conclusioni

Le conclusioni di uno studio osservazionale “devono essere trattenute”. (Cioè non dette. N.d.r.)
Esiste una relazione inversa tra il livello di colesterolo nel sangue e il rischio di suicidio.

La natura della relazione tra bassi livelli di colesterolo nel sangue e un più alto rischio di suicidio può essere solo speculativa, e non sono disposto a fare congetture.

Gli studi esaminati in questa meta-analisi sembrano aver identificato i livelli di colesterolo nel sangue di pazienti suicidari vicini al momento del suicidio. Un approccio migliore sarebbe stato quello di registrare i livelli di colesterolo di un ampio campione di popolazione, e quindi seguire per un certo numero di anni e identificare se il suicidio ha avuto luogo. A quel tempo i livelli di colesterolo di coloro che si suicidavano potevano essere paragonati ai controlli. Sfortunatamente ciò richiederebbe la sorveglianza di un numero molto elevato di persone per diversi decenni.

La logistica e il costo di tale studio sarebbero proibitivi e non è probabile che accada. Se dovesse essere condotto, i tempi previsti ridurrebbero seriamente il valore dello studio: la preoccupazione è ora, non nel 2050!

Lo studio Framingham a lungo termine (30 anni !!) non sembra aver registrato la morte per suicidio in relazione ai livelli di colesterolo nel sangue.

L’unica conclusione che possiamo raggiungere dallo studio delineato in questo Post è che i dogmi secondo cui “il colesterolo fa male” e deve essere “ridotto il più basso possibile” sono decisamente sbagliati.

C’è molto altro da imparare sul colesterolo e sulla sua importanza metabolica, inclusa la sua influenza sulla funzione cerebrale e sul comportamento. Purtroppo il falso dogma secondo cui “il colesterolo fa male” ostacola la ricerca costruttiva.


STUDIO FRAMINGHAM

Punti salienti

  • L’FHS è lo studio epidemiologico cardiovascolare più longevo, iniziato nel 1948.
  • FHS abbraccia 3 generazioni di persone bianche ben fenotipizzate e 2 coorti composte da gruppi di minoranze razziali ed etniche.
  • I principali fattori di rischio per le malattie cardiovascolari nella comunità sono stati identificati attraverso l’FHS.

Astratto

Il Framingham Heart Study è lo studio epidemiologico cardiovascolare più longevo, iniziato nel 1948. Questo documento offre una panoramica delle varie coorti, dei dati raccolti e dei risultati della ricerca più importanti fino ad oggi. In breve, il Framingham Heart Study, finanziato dal National Institutes of Health e gestito dalla Boston University, abbraccia 3 generazioni di persone bianche ben fenotipizzate e 2 coorti composte da minoranze razziali ed etniche.

Queste coorti sono densamente fenotipizzate, con un ampio follow-up longitudinale, e continuano a fornirci importanti informazioni sulla fisiologia umana cardiovascolare e non cardiovascolare nel corso della vita, nonché a identificare i principali fattori di rischio per le malattie cardiovascolari. Questo documento riassume anche alcuni dei progressi più recenti nell’epidemiologia molecolare e discute il futuro dello studio.

Era stato suggerito (e forse ipotizzato) negli anni ’50 che la malattia coronarica (CHD) fosse dovuta al “colesterolo”: era nata l’ipotesi dieta-colesterolo-cuore.

Tuttavia, c’era la preoccupazione accademica che ci dovesse essere un’indagine rigorosa sulla relazione suggerita tra il colesterolo nel sangue e la successiva sopravvivenza. Ciò ha portato al Framingham Heart Study.

Framingham è una città del Massachusetts, vicino a Boston, e questa città è stata scelta per lo studio. Tutti i residenti hanno ricevuto (con il loro permesso) un controllo annuale della salute cardiovascolare. Il colesterolo nel sangue è stato stimato all’inizio dello studio. I decessi sono stati annotati con attenzione.

Dopo 30 anni i dati sono stati analizzati e sono stati generati grafici di sopravvivenza. Sono mostrati di seguito.

La conclusione è mostrata all’inizio di questo post. È vero che quasi nessuno conosce questo risultato. Durante i 30 anni di gestazione dello studio l’ipotesi dieta-cuore-colesterolo si era radicata nella società. Nessuno ha voluto pubblicizzare il fatto che non è vero. La verità è rimasta nascosta.

Dopo i 50 anni di età non vi è un aumento della mortalità complessiva con livelli sierici di colesterolo alti o bassi.

Questa è la conclusione raggiunta dopo uno studio di follow-up di 30 anni sui cittadini della città di Framingham, Massachusetts, USA.

All’inizio dello studio la saggezza convenzionale era che la malattia coronarica (CHD) fosse il risultato di un eccesso di colesterolo nella dieta, che portava a un eccesso di colesterolo nel sangue e, di conseguenza, ad attacchi di cuore dovuti alle arterie che si “incrostavano”. Questa era l’ipotesi dieta-colesterolo-cuore, ma doveva essere legittimata da uno studio prospettico. Il National Heart, Lung, and Blood Institute degli Stati Uniti ha scelto la città di Framingham per questo progetto di ricerca a lungo termine, iniziato a metà degli anni ’50.

La pubblicazione alla fine dello studio, intitolata “Cholesterol and Mortality”, conteneva la conclusione sopra citata.

È stato accolto da quello che può essere definito solo un silenzio assordante, e poi è stato rapidamente messo da parte prima che la conclusione potesse diventare di dominio pubblico.

È rimasto chiuso per 25 anni.

È un po’ come il progetto di ricerca a lungo termine descritto nella “Guida galattica per autostoppisti”. L’obiettivo era quello di fornire la risposta alla vita, l’universo e tutto. Prima di rilasciare la risposta, il supercomputer (Deep Thought) ha avvertito il team del progetto che “Non ti piacerà”. La risposta è stata 42, e risposta che non era prevista, e non è piaciuta.

Come con Framingham, il costoso progetto ha dato la risposta “sbagliata” e enormi quantità di denaro sono state effettivamente sprecate.

Ricorda che almeno il 90% dei decessi CHD si verificano dopo i 50 anni. Pensa a quante persone di età superiore ai 50 anni durante l’ultimo mezzo secolo hanno testato il loro livello di colesterolo nel siero per cercare di prevedere il rischio coronarico quando non è così.

Ovviamente questa scoperta non si adatta all’ipotesi dieta-colesterolo-cuore, e quindi lo screening del colesterolo continua senza una valutazione critica. A spese enormi, vengono compiuti sforzi per ridurre inutilmente il livello di colesterolo della popolazione.



Riporto solo l’introduzione, parte della discussione e le conclusioni di questo studio SUL RAPPORTO TRA COLESTEROLO BASSO E SUICIDIO che è una meta-analisi.

Livelli sierici di lipidi e suicidalità: una meta-analisi di 65 studi epidemiologici

introduzione

Il suicidio è un importante problema di salute pubblica ed è una delle principali cause di morte in tutto il mondo.1,2 Il suicidio può generare un’ondata di eventi psichiatrici nelle famiglie colpite, causare un grande fardello per la società e ferire gli altri. Diversi fattori, tra cui disturbi mentali, aggressività o impulsività, storia familiare di suicidio, obesità, fumo, problemi coniugali, problemi di lavoro e cattiva salute fisica, sono stati correlati con il suicidio.3–7

Molti studi hanno confermato che i marcatori biologici potrebbero essere collegati al suicidio, tra i quali i livelli sierici di lipidi potrebbero svolgere un ruolo importante.8-10

In ambito clinico, il livello dei lipidi sierici viene valutato in base al colesterolo totale (TC), ad alta densità colesterolo lipoproteico (HDL-C), colesterolo lipoproteico a bassa densità (LDL-C) e trigliceridi (TG). Prove sperimentali indicano che la fluidità lipidica modula marcatamente il legame della serotonina (5-HT) nelle membrane cerebrali del topo; pertanto, con bassi livelli di colesterolo, la fluidità della membrana cellulare aumenta e i recettori 5-HT sono meno esposti a 5-HT nella fessura sinaptica.11

Esistono anche prove di un’associazione tra ridotta attività di 5-HT e suicidio.12

C‘è stata una notevole controversia sull’associazione tra livelli sierici di lipidi e suicidalità riportati in studi osservazionali ed epidemiologici. Alcuni studi sull’uomo hanno mostrato che i tentati suicidi avevano livelli di colesterolo più bassi,9,13,14 ma altri hanno riportato associazioni positive tra colesterolo e suicidio completato.15-17 Alcuni studi hanno anche indicato che non c’erano prove di un’associazione tra colesterolo sierico e suicidio.18 ,19

Discussione

Per quanto ne sappiamo, questa è la prima meta-analisi per valutare in modo completo l’associazione tra vari livelli di lipidi sierici e suicidalità. Il presente studio ha rivelato che i livelli sierici di TC e LDL-C sierici erano significativamente più bassi nei pazienti suicidari rispetto sia ai pazienti non suicidari che ai controlli sani, che il livello sierico di HDL-C era significativamente più basso nei pazienti suicidari rispetto ai controlli sani e che il siero Il livello di TG era significativamente più basso nei pazienti suicidari rispetto ai pazienti non suicidari. Inoltre, abbiamo riscontrato un rischio borderline significativo del 112% in più di suicidalità per quelli nella categoria di livello sierico più basso di TC rispetto a quelli nella categoria di livello sierico più alto di TC.

Precedenti studi hanno prodotto risultati contrastanti nell’esplorare la potenziale associazione tra livelli lipidici e suicidalità, perché la valutazione della suicidalità differiva tra gli studi. Nella nostra meta-analisi, abbiamo incluso pazienti con vari comportamenti suicidari, tra cui ideazione suicidaria, tentativi di suicidio, tendenze suicide e completamento del suicidio. Nel complesso, le tendenze dei livelli di lipidi sierici erano coerenti tra diversi tipi di comportamenti suicidari, il che significa che un basso livello di lipidi sierici è un interessante marker predittivo non solo per atti suicidari, ma anche per ideazione suicidaria, tentativo di suicidio e persino tendenze suicide. Inoltre, un numero crescente di segnalazioni solleva la possibilità che le statine, una classe di agenti ipolipemizzanti, possano essere associate a effetti avversi cognitivi,82-84 sull’umore e comportamentali deleteri, tra cui violenza,85 depressione e suicidio,86 che sono stati attribuito all’effetto della riduzione del livello di colesterolo delle statine sulla funzione cerebrale. Questi risultati erano coerenti con i nostri.

Le nostre analisi dei sottogruppi hanno mostrato che l’associazione tra livelli sierici più bassi di lipidi e suicidalità era più forte nei partecipanti di età inferiore ai 40 anni rispetto ai partecipanti più anziani nella maggior parte delle analisi. Fiedorowicz e Coryell16 hanno riferito che nel gruppo con colesterolo alto, i pazienti più giovani hanno fatto più tentativi di suicidio rispetto ai pazienti più anziani, il che è l’opposto dei risultati della nostra meta-analisi.

Abbiamo anche confermato che il sesso gioca un ruolo importante. Rispetto ai controlli sani, le donne suicide, ma non gli uomini, avevano livelli di HDL-C significativamente più bassi; tuttavia, altri autori hanno riportato un’associazione tra basso contenuto di colesterolo e suicidalità solo negli uomini.50,56 Altri studi hanno anche riportato che il sesso maschile è associato a livelli più bassi di colesterolo in vari disturbi psichiatrici.87,88

I risultati della nostra meta-analisi sono non coerenti con quelli degli altri. Nel complesso, i limiti di misurazione, nonché i tipi di lipidi sierici misurati, i tipi di suicidalità osservati e le differenze nelle selezioni dei campioni possono aver portato all’incoerenza nei risultati osservati. Sono necessari ulteriori studi per spiegare ulteriormente l’impatto dell’età e del sesso sulle differenze nei livelli di lipidi sierici tra partecipanti suicidi e non suicidi.

Abbiamo anche scoperto che gli uomini suicidi avevano livelli di TG significativamente più bassi rispetto ai controlli maschi sani, ma non abbiamo riscontrato differenze statistiche nelle partecipanti di sesso femminile. Inoltre, se confrontati con controlli sani, i pazienti con tentativi di suicidio violenti presentavano differenze di livelli sierici medi di TC molto maggiori rispetto a quelli con tentativi di suicidio non violenti. Questo risultato indica che i pazienti con tentativi di suicidio violenti avevano livelli di TC inferiori rispetto a quelli con tentativi di suicidio non violenti, come hanno rivelato i singoli studi34,38,41,46. Tuttavia, uno studio ha rilevato che non vi era alcuna differenza tra pazienti con tentativi di suicidio violenti e non violenti.78

Conclusione

I risultati della nostra meta-analisi suggeriscono che rispetto ai pazienti non suicidari, i pazienti suicidari avevano livelli sierici di TC, LDL-C e TG significativamente più bassi, mentre rispetto ai controlli sani, i pazienti suicidari avevano livelli sierici di TC, HDL-C e LDL-C significativamente più bassi.

Inoltre, rispetto alla categoria di livello sierico più alto di TC, un livello sierico inferiore di TC era associato a un rischio di suicidio più alto del 112%, incluso un rischio più alto del 123% di tentativo di suicidio e un rischio più alto dell’85% di completamento del suicidio.

Sono necessari ulteriori studi meccanicistici per spiegare ulteriormente l’associazione tra livelli sierici di lipidi e suicidio.

References

1. Kay M. Suicide is leading cause of death in young Indian women, finds international study. BMJ. 2013;346:f1900. [PubMed] []
2. O’Connor E, Gaynes BN, Burda BU, et al. Screening for and treatment of suicide risk relevant to primary care: a systematic review for the U.S. Preventive Services Task Force. Ann Intern Med. 2013;158:741–54. [PubMed] []
3. Mann JJ. A current perspective of suicide and attempted suicide. Ann Intern Med. 2002;136:302–11. [PubMed] []
4. Hawton K, van Heeringen K. Suicide. Lancet. 2009;373:1372–81. [PubMed] []
5. Waern M, Rubenowitz E, Runeson B, et al. Burden of illness and suicide in elderly people: case-control study. BMJ. 2002;324:1355. [PMC free article] [PubMed] []
6. Klinitzke G, Steinig J, Bluher M, et al. Obesity and suicide risk in adults — a systematic review. J Affect Disord. 2013;145:277–84. [PubMed] []
7. Grucza RA, Plunk AD, Krauss MJ, et al. Probing the smoking-suicide association: Do smoking policy interventions affect suicide risk? Nicotine Tob Res. 2014;16:1487–94. [PMC free article] [PubMed] []
8. Asellus P, Nordstrom P, Jokinen J. Cholesterol and CSF 5-HIAA in attempted suicide. J Affect Disord. 2010;125:388–92. [PubMed] []
9. Lee HJ, Kim YK. Serum lipid levels and suicide attempts. Acta Psychiatr Scand. 2003;108:215–21. [PubMed] []
10. Huang TL. Serum lipid profiles in major depression with clinical subtypes, suicide attempts and episodes. J Affect Disord. 2005;86:75–9. [PubMed] []
11. Heron DS, Shinitzky M, Hershkowitz M, et al. Lipid fluidity markedly modulates the binding of serotonin to mouse brain membranes. Proc Natl Acad Sci U S A. 1980;77:7463–7. [PMC free article] [PubMed] []
12. Asberg M, Traskman L, Thoren P. 5-HIAA in the cerebrospinal fluid. A biochemical suicide predictor? Arch Gen Psychiatry. 1976;33:1193–7. [PubMed] []
13. Diaz-Sastre C, Baca-Garcia E, Perez-Rodriguez MM, et al. Low plasma cholesterol levels in suicidal males: a gender- and body mass index-matched case-control study of suicide attempters and nonattempters. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. 2007;31:901–5. [PubMed] []
14. Kim YK, Lee HJ, Kim JY, et al. Low serum cholesterol is correlated to suicidality in a Korean sample. Acta Psychiatr Scand. 2002;105:141–8. [PubMed] []
15. Brunner J, Bronisch T, Pfister H, et al. High cholesterol, triglycerides, and body-mass index in suicide attempters. Arch Suicide Res. 2006;10:1–9. [PubMed] []
16. Fiedorowicz JG, Coryell WH. Cholesterol and suicide attempts: a prospective study of depressed inpatients. Psychiatry Res. 2007;152:11–20. [PMC free article] [PubMed] []
17. de Leon J, Mallory P, Maw L, et al. Lack of replication of the association of low serum cholesterol and attempted suicide in another country raises more questions. Ann Clin Psychiatry. 2011;23:163–70. [PubMed] []
18. Deisenhammer EA, Kramer-Reinstadler K, Liensberger D, et al. No evidence for an association between serum cholesterol and the course of depression and suicidality. Psychiatry Res. 2004;121:253–61. [PubMed] []
19. Roy A, Roy M. No relationship between serum cholesterol and suicidal ideation and depression in African-American diabetics. Arch Suicide Res. 2006;10:11–4. [PubMed] []
20. Stroup DF, Berlin JA, Morton SC, et al. Meta-analysis of observational studies in epidemiology: a proposal for reporting. Meta-analysis of observational studies in epidemiology (MOOSE) group. JAMA. 2000;283:2008–12. [PubMed] []
21. Wells G, Shea B, O’Connell D, et al. The Newcastle-Ottawa Scale (NOS) for assessing the quality of nonrandomised studies in meta-analyses. Ottawa: University of Ottawa; 2011. []
22. Agardh E, Allebeck P, Hallqvist J, et al. Type 2 diabetes incidence and socio-economic position: a systematic review and meta-analysis. Int J Epidemiol. 2011;40:804–18. [PubMed] []
23. Li JW, He SY, Liu P, et al. Association of gestational diabetes mellitus (GDM) with subclinical atherosclerosis: a systemic review and meta-analysis. BMC Cardiovasc Disord. 2014;14:132. [PMC free article] [PubMed] []
24. Egger M, Davey Smith G, Schneider M, et al. Bias in meta-analysis detected by a simple, graphical test. BMJ. 1997;315:629–34. [PMC free article] [PubMed] []
25. Begg CB, Mazumdar M. Operating characteristics of a rank correlation test for publication bias. Biometrics. 1994;50:1088–101. [PubMed] []
26. Coryell W, Schlesser M. Combined biological tests for suicide prediction. Psychiatry Res. 2007;150:187–91. [PMC free article] [PubMed] []
27. Ellison LF, Morrison HI. Low serum cholesterol concentration and risk of suicide. Epidemiology. 2001;12:168–72. [PubMed] []
28. Lindberg G, Rastam L, Gullberg B, et al. Low serum cholesterol concentration and short term mortality from injuries in men and women. BMJ. 1992;305:277–9. [PMC free article] [PubMed] []
29. Neaton JD, Blackburn H, Jacobs D, et al. Serum cholesterol level and mortality findings for men screened in the multiple risk factor intervention trial. Multiple risk factor intervention trial research group. Arch Intern Med. 1992;152:1490–500. [PubMed] []
30. Partonen T, Haukka J, Virtamo J, et al. Association of low serum total cholesterol with major depression and suicide. Br J Psychiatry. 1999;175:259–62. [PubMed] []
31. Tanskanen A, Vartiainen E, Tuomilehto J, et al. High serum cholesterol and risk of suicide. Am J Psychiatry. 2000;157:648–50. [PubMed] []
32. Zureik M, Courbon D, Ducimetiere P. Serum cholesterol concentration and death from suicide in men: Paris prospective study I. BMJ. 1996;313:649–51. [PMC free article] [PubMed] []
33. Kunugi H, Takei N, Aoki H, et al. Low serum cholesterol in suicide attempters. Biol Psychiatry. 1997;41:196–200. [PubMed] []
34. Marcinko D, Martinac M, Karlovic D, et al. Are there differences in serum cholesterol and cortisol concentrations between violent and non-violent schizophrenic male suicide attempters? Coll Antropol. 2005;29:153–7. [PubMed] []
35. Perez-Rodriguez MM, Baca-Garcia E, Diaz-Sastre C, et al. Low serum cholesterol may be associated with suicide attempt history. J Clin Psychiatry. 2008;69:1920–7. [PubMed] []
36. Plana T, Gracia R, Mendez I, et al. Total serum cholesterol levels and suicide attempts in child and adolescent psychiatric inpatients. Eur Child Adolesc Psychiatry. 2010;19:615–9. [PubMed] []
37. Ruljancic N, Mihanovic M, Cepelak I. Thrombocyte serotonin and serum cholesterol concentration in suicidal and non-suicidal depressed patients. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. 2011;35:1261–7. [PubMed] []
38. Vevera J, Zukov I, Morcinek T, et al. Cholesterol concentrations in violent and non-violent women suicide attempters. Eur Psychiatry. 2003;18:23–7. [PubMed] []
39. Ainiyet B, Rybakowski JK. Suicidal behavior in schizophrenia may be related to low lipid levels. Med Sci Monit. 2014;20:1486–90. [PMC free article] [PubMed] []
40. Almeida-Montes LG, Valles-Sanchez V, Moreno-Aguilar J, et al. Relation of serum cholesterol, lipid, serotonin and tryptophan levels to severity of depression and to suicide attempts. J Psychiatry Neurosci. 2000;25:371–7. [PMC free article] [PubMed] []
41. Alvarez JC, Cremniter D, Gluck N, et al. Low serum cholesterol in violent but not in non-violent suicide attempters. Psychiatry Res. 2000;95:103–8. [PubMed] []
42. Alvarez JC, Cremniter D, Lesieur P, et al. Low blood cholesterol and low platelet serotonin levels in violent suicide attempters. Biol Psychiatry. 1999;45:1066–9. [PubMed] []
43. Apter A, Laufer N, Bar-Sever M, et al. Serum cholesterol, suicidal tendencies, impulsivity, aggression, and depression in adolescent psychiatric inpatients. Biol Psychiatry. 1999;46:532–41. [PubMed] []
44. Atmaca M, Kuloglu M, Tezcan E, et al. Serum cholesterol and leptin levels in patients with borderline personality disorder. Neuropsychobiology. 2002;45:167–71. [PubMed] []
45. Atmaca M, Kuloglu M, Tezcan E, et al. Serum leptin and cholesterol levels in schizophrenic patients with and without suicide attempts. Acta Psychiatr Scand. 2003;108:208–14. [PubMed] []
46. Atmaca M, Kuloglu M, Tezcan E, et al. Serum leptin and cholesterol values in violent and non-violent suicide attempters. Psychiatry Res. 2008;158:87–91. [PubMed] []
47. Atmaca M, Kuloglu M, Tezcan E, et al. Serum leptin and cholesterol values in suicide attempters. Neuropsychobiology. 2002;45:124–7. [PubMed] []
48. Atmaca M, Tezcan E, Parmaksiz S, et al. Serum ghrelin and cholesterol values in suicide attempters. Neuropsychobiology. 2006;54:59–63. [PubMed] []
49. Baek JH, Kang ES, Fava M, et al. Serum lipids, recent suicide attempt and recent suicide status in patients with major depressive disorder. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. 2014;51:113–8. [PubMed] []
50. Bocchetta A, Chillotti C, Carboni G, et al. Association of personal and familial suicide risk with low serum cholesterol concentration in male lithium patients. Acta Psychiatr Scand. 2001;104:37–41. [PubMed] []
51. da Graça Cantarelli M, Nardin P, Buffon A, et al. Serum triglycerides, but not cholesterol or leptin, are decreased in suicide attempters with mood disorders. J Affect Disord. 2014;172C:403–9. [PubMed] []
52. D’Ambrosio V, Salvi V, Bogetto F, et al. Serum lipids, metabolic syndrome and lifetime suicide attempts in patients with bipolar disorder. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. 2012;37:136–40. [PubMed] []
53. Deisenhammer EA, Lechner-Schoner T, Kemmler G, et al. Serum lipids and risk factors for attempted suicide in patients with alcohol dependence. Alcohol Clin Exp Res. 2006;30:460–5. [PubMed] []
54. Favaro A, Caregaro L, Di Pascoli L, et al. Total serum cholesterol and suicidality in anorexia nervosa. Psychosom Med. 2004;66:548–52. [PubMed] []
55. Gallerani M, Manfredini R, Caracciolo S, et al. Serum cholesterol concentrations in parasuicide. BMJ. 1995;310:1632–6. [PMC free article] [PubMed] []
56. Golier JA, Marzuk PM, Leon AC, et al. Low serum cholesterol level and attempted suicide. Am J Psychiatry. 1995;152:419–23. [PubMed] []
57. Guillem E, Pelissolo A, Notides C, et al. Relationship between attempted suicide, serum cholesterol level and novelty seeking in psychiatric in-patients. Psychiatry Res. 2002;112:83–8. [PubMed] []
58. Huang T, Wu S. Serum cholesterol levels in paranoid and non-paranoid schizophrenia associated with physical violence or suicide attempts in Taiwanese. Psychiatry Res. 2000;96:175–8. [PubMed] []
59. Jokinen J, Nordstrom AL, Nordstrom P. Cholesterol, CSF 5-HIAA, violence and intent in suicidal men. Psychiatry Res. 2010;178:217–9. [PubMed] []
60. Kim JM, Stewart R, Kang HJ, et al. Longitudinal associations between serum cholesterol levels and suicidal ideation in an older Korean population. J Affect Disord. 2014;152–154:517–21. [PubMed] []
61. Kim YK, Myint AM. Clinical application of low serum cholesterol as an indicator for suicide risk in major depression. J Affect Disord. 2004;81:161–6. [PubMed] []
62. Maes M, Smith R, Christophe A, et al. Lower serum high-density lipoprotein cholesterol (HDL-C) in major depression and in depressed men with serious suicidal attempts: relationship with immune-inflammatory markers. Acta Psychiatr Scand. 1997;95:212–21. [PubMed] []
63. Marcinko D, Bilic V, Pivac N, et al. Serum cholesterol concentration and structured individual psychoanalytic psychotherapy in suicidal and non-suicidal male patients suffering from borderline personality disorder. Coll Antropol. 2011;35(Suppl 1):219–23. [PubMed] []
64. Marcinko D, Marcinko V, Karlovic D, et al. Serum lipid levels and suicidality among male patients with schizoaffective disorder. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. 2008;32:193–6. [PubMed] []
65. Marcinko D, Pivac N, Martinac M, et al. Platelet serotonin and serum cholesterol concentrations in suicidal and non-suicidal male patients with a first episode of psychosis. Psychiatry Res. 2007;150:105–8. [PubMed] []
66. Modai I, Valevski A, Dror S, et al. Serum cholesterol levels and suicidal tendencies in psychiatric inpatients. J Clin Psychiatry. 1994;55:252–4. [PubMed] []
67. Olié E, Picot MC, Guillaume S, et al. Measurement of total serum cholesterol in the evaluation of suicidal risk. J Affect Disord. 2011;133:234–8. [PubMed] []
68. Ozer OA, Kutanis R, Agargun MY, et al. Serum lipid levels, suicidality, and panic disorder. Compr Psychiatry. 2004;45:95–8. [PubMed] []
69. Papadopoulou A, Markianos M, Christodoulou C, et al. Plasma total cholesterol in psychiatric patients after a suicide attempt and in follow-up. J Affect Disord. 2013;148:440–3. [PubMed] []
70. Papassotiropoulos A, Hawellek B, Frahnert C, et al. The risk of acute suicidality in psychiatric inpatients increases with low plasma cholesterol. Pharmacopsychiatry. 1999;32:1–4. [PubMed] []
71. Park YM, Lee BH, Lee SH. The association between serum lipid levels, suicide ideation, and central serotonergic activity in patients with major depressive disorder. J Affect Disord. 2014;159:62–5. [PubMed] []
72. Pompili M, Innamorati M, Lester D, et al. Nearly lethal resuscitated suicide attempters have no low serum levels of cholesterol and triglycerides. Psychol Rep. 2010;106:785–90. [PubMed] []
73. Rabe-Jablonska J, Poprawska I. Levels of serum total cholesterol and LDL-cholesterol in patients with major depression in acute period and remission. Med Sci Monit. 2000;6:539–47. [PubMed] []
74. Roy A, Gonzalez B, Marcus A, et al. Serum cholesterol, suicidal behavior and impulsivity in cocaine-dependent patients. Psychiatry Res. 2001;101:243–7. [PubMed] []
75. Sarchiapone M, Camardese G, Roy A, et al. Cholesterol and serotonin indices in depressed and suicidal patients. J Affect Disord. 2001;62:217–9. [PubMed] []
76. Sarchiapone M, Roy A, Camardese G, et al. Further evidence for low serum cholesterol and suicidal behaviour. J Affect Disord. 2000;61:69–71. [PubMed] []
77. Sullivan PF, Joyce PR, Bulik CM, et al. Total cholesterol and suicidality in depression. Biol Psychiatry. 1994;36:472–7. [PubMed] []
78. Tripodianakis J, Markianos M, Sarantidis D, et al. Biogenic amine turnover and serum cholesterol in suicide attempt. Eur Arch Psychiatry Clin Neurosci. 2002;252:38–43. [PubMed] []
79. Verma S, Trivedi JK, Singh H, et al. Serum lipid profile in suicide attempters. Indian J Psychiatry. 1999;41:300–6. [PMC free article] [PubMed] []
80. Vuksan-Cusa B, Marcinko D, Nad S, et al. Differences in cholesterol and metabolic syndrome between bipolar disorder men with and without suicide attempts. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. 2009;33:109–12. [PubMed] []
81. Zhang J, McKeown RE, Hussey JR, et al. Low HDL cholesterol is associated with suicide attempt among young healthy women: the third National Health and Nutrition Examination Survey. J Affect Disord. 2005;89:25–33. [PubMed] []
82. Tatley M, Savage R. Psychiatric adverse reactions with statins, fibrates and ezetimibe: implications for the use of lipid-lowering agents. Drug Saf. 2007;30:195–201. [PubMed] []
83. King DS, Wilburn AJ, Wofford MR, et al. Cognitive impairment associated with atorvastatin and simvastatin. Pharmacotherapy. 2003;23:1663–7. [PubMed] []
84. Muldoon MF, Ryan CM, Sereika SM, et al. Randomized trial of the effects of simvastatin on cognitive functioning in hypercholesterolemic adults. Am J Med. 2004;117:823–9. [PubMed] []
85. Golomb BA, Kane T, Dimsdale JE. Severe irritability associated with statin cholesterol-lowering drugs. QJM. 2004;97:229–35. [PubMed] []
86. Manfredini R, Caracciolo S, Salmi R, et al. The association of low serum cholesterol with depression and suicidal behaviours: new hypotheses for the missing link. J Int Med Res. 2000;28:247–57. [PubMed] []
87. Borgherini G, Dorz S, Conforti D, et al. Serum cholesterol and psychological distress in hospitalized depressed patients. Acta Psychiatr Scand. 2002;105:149–52. [PubMed] []
88. New AS, Sevin EM, Mitropoulou V, et al. Serum cholesterol and impulsivity in personality disorders. Psychiatry Res. 1999;85:145–50. [PubMed] []
89. Cantarelli MG, Tramontina AC, Leite MC, et al. Potential neurochemical links between cholesterol and suicidal behavior. Psychiatry Res. 2014;220:745–51. [PubMed] []
90. Penttinen J. Hypothesis: low serum cholesterol, suicide, and interleukin-2. Am J Epidemiol. 1995;141:716–8. [PubMed] []
91. Hibbeln JR, Salem N., Jr Dietary polyunsaturated fatty acids and depression: when cholesterol does not satisfy. Am J Clin Nutr. 1995;62:1–9. [PubMed] []
92. Nityanand S, Srivastava JS, Asthana OP. Clinical trials with gugulipid. A new hypolipidaemic agent. J Assoc Physicians India. 1989;37:323–8. [PubMed] []

Please follow and like us:
Pin Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: