Lo iodio è importante ma un nuovo studio mostra troppi problemi – dr Mercola

Foto dal sito BretagnaVacanze.com – Morbihan (56) Presqu’ile de Quiberon.(PHOTO NON DISPONIBLE POUR CALENDRIERS ET CARTES POSTALES)// France. Brittany.

Storia a colpo d’occhio

    • Mentre ci sono prove che i livelli di iodio sono in calo negli Stati Uniti, è necessario essere molto attenti a prenderlo in forma di supplemento, in quanto questo è stato collegato a problemi di salute
    • Assumere troppo iodio è stato collegato allo sviluppo di ipotiroidismo subclinico, che può aumentare il rischio di problemi cardiaci
      Le verdure e la spirulina di mare prive di tossine sono tra le migliori fonti alimentari naturali di iodio negli alimenti
      Di Dr. Mercola
    • Lo iodio è un nutriente di vitale importanza che viene rilevato in ogni organo e tessuto. Oltre ad essere essenziale per una sana funzionalità della tiroide e un metabolismo efficiente, vi è una crescente evidenza che il basso contenuto di iodio è correlato a numerose malattie, tra cui il cancro.
    • In tutto il mondo, si pensa che fino al 40% della popolazione sia a rischio di carenza di iodio.
    • Negli Stati Uniti, le agenzie sanitarie tendono a dire che la maggior parte delle persone è “sufficiente” di iodio, nel senso che riceve abbastanza nutrienti dalla loro dieta, tuttavia questo è controverso.
    • Secondo altre fonti, come il dottor David Brownstein, che ha lavorato con lo iodio negli ultimi due decenni, oltre il 95% dei pazienti nella sua clinica sono carenti di iodio.

Ci sono seri rischi per l’assunzione di troppo iodio, tuttavia, motivo per cui è necessario essere molto cauti e informarsi prima di optare per un integratore di iodio.

Troppo iodio può portare a ipotiroidismo subclinico

L’ipotiroidismo si verifica quando la tiroide produce una quantità insufficiente di ormone tiroideo, una condizione spesso collegata alla carenza di iodio Ironia della sorte, una nuova ricerca ha dimostrato che l’assunzione di troppo iodio può anche portare a una versione subclinica della condizione, che è una forma più lieve che spesso viene ignorata dai test di laboratorio. Oltre a mostrare a volte molti degli stessi sintomi dell’ipotiroidismo, come affaticamento e difficoltà a perdere peso, le persone con ipotiroidismo subclinico possono avere un aumentato rischio di malattie cardiache.

Alcuni, tuttavia, potrebbero non mostrare alcun sintomo.

Il nuovo studio, pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition , ha rivelato che i partecipanti allo studio che assumevano dosi relativamente più elevate di iodio supplementare – 400 microgrammi al giorno e più – paradossalmente hanno iniziato a sviluppare ipotiroidismo subclinico. La scoperta evidenzia precisamente il motivo per cui è necessario stare molto attenti con l’assunzione di iodio supplementare, poiché assumere troppo può portare a problemi di salute.

In effetti, in genere non consiglio di assumere integratori di iodio come Lugol o Ioderol, perché la tua tiroide trasporta lo iodio solo nella sua forma ionizzata (cioè ioduro). La tua tiroide riduce lo ioduro (I-) in iodio (I2) per l’uso nella formazione della tireoglobulina. Il tuo corpo non utilizza direttamente lo iodio . Deve dividere l’I2 in due ioni I, che è una reazione ossidativa che causa stress ossidativo.

Consiglio di prendere un integratore di iodio in caso di qualche tipo di  ricaduta nucleare . In questo caso, se sei carente di iodio, l’assunzione di un integratore di ioduro di potassio (una forma stabile di iodio) può proteggere la tua tiroide “inondando” il tuo sistema con iodio in modo che la tua tiroide non abbia bisogno di assumere la forma radioattiva. Ma l’assunzione di ioduro di potassio quando non è assolutamente necessario potrebbe provocare tireotossicosi. Nella maggior parte dei casi è di gran lunga preferibile ottimizzare lo iodio attraverso l’assunzione naturale di cibi.

Perché i tuoi livelli di iodio potrebbero essere bassi?

Più dell’11% di tutti gli americani e più del 15% delle donne americane in età fertile hanno attualmente livelli di iodio nelle urine inferiori a 50 mcg / L, indicando una carenza di iodio da moderata a grave. i Un ulteriore 36% delle donne in età riproduttiva negli Stati Uniti è considerato lievemente carente di iodio (<100 mcg / L di iodio urinario). I livelli di iodio sono diminuiti in modo significativo negli Stati Uniti negli ultimi decenni a causa di diversi fattori, tra cui:

    • Esposizione al bromo : quando ingerisci o assorbi il bromo (che si trova in prodotti da forno, plastica, bevande analcoliche, farmaci, pesticidi e altro), sposta lo iodio e questa carenza di iodio porta ad un aumento del rischio di cancro al seno, ghiandola tiroidea, ovaio e alla prostata – tumori che vediamo oggi a tassi allarmanti.
    • Diminuzione del consumo di cibi ricchi di iodio, come sale iodato, uova, pesce e verdure di mare
    • Impoverimento del suolo
    • Meno utilizzo di ioduro nell’industria alimentare e agricola
    • Acqua potabile fluorata
    • Contaminazione del carburante per missili (perclorato) negli alimenti

Cosa sta facendo alla salute del nostro Paese? I giapponesi consumano 89 volte più iodio degli americani a causa del loro consumo quotidiano di verdure di mare e hanno tassi ridotti di molte malattie croniche, compresi i tassi di cancro più bassi al mondo. La RDA per lo iodio negli Stati Uniti è un misero 150 mcg / giorno, che impallidisce rispetto all’assunzione giornaliera media di 13800 mcg / giorno per i giapponesi.

Esiste un ampio corpo di prove che suggeriscono che i bassi tassi di cancro in Giappone sono il risultato dei loro livelli di iodio sostanzialmente più elevati, poiché lo iodio ha proprietà antiossidanti e antiproliferative documentate.

Se sei interessato a essere sottoposto a test per la carenza di iodio, chiedi al tuo medico del test di provocazione dello iodio nelle urine. Un altro modo semplice per assicurarti di assumere abbastanza iodio è ottenere una prescrizione economica dal tuo medico per l’SSKI, che è uno iodio di potassio super saturo. Basta applicare tre gocce sulla pelle e massaggiarle una volta al giorno. Se quando tocchi qualcosa con i polpastrelli leggermente bagnati lascia una macchia giallastra, allora lo iodio esce dalla tua pelle, indicando che il tuo corpo è saturo, cioè stai ricevendo abbastanza iodio.

Le migliori fonti naturali di iodio

Se vuoi ottimizzare i tuoi livelli di iodio in modo naturale, presta molta attenzione alla tua dieta. Credo che le verdure di mare e la spirulina prive di tossine siano probabilmente il modo ideale per ottenere il tuo iodio, tuttavia assicurati che vengano raccolte da acque non contaminate. Anche il latte crudo e le uova contengono iodio. Allo stesso tempo, ti consigliamo di evitare il più possibile tutte le fonti di bromo, poiché questo sembra giocare un ruolo importante nell’aumento dei livelli di carenza di iodio. Ecco diverse strategie che puoi utilizzare per evitare il bromo e quindi aiutare a ottimizzare i tuoi livelli di iodio in modo naturale:

      1. Mangia biologico il più spesso possibile. Lavare accuratamente tutti i prodotti. Ciò ridurrà al minimo l’esposizione ai pesticidi.
      2. Evita di mangiare o bere (o di conservare cibo e acqua in) contenitori di plastica. Utilizzare contenitori in vetro e ceramica sicuri.
      3. Cerca farina e pane integrali biologici. Macina il tuo grano, se possibile. Cerca l’etichetta “senza bromo” o “senza bromo” sui prodotti da forno commerciali.
      4. Evita le bibite. Bevi invece acqua naturale filtrata.
      5. Se possiedi una vasca idromassaggio, controlla un sistema di purificazione dell’ozono. Tali sistemi consentono di mantenere l’acqua pulita con trattamenti chimici minimi.
      6. Cerca prodotti per la cura personale che non contengano sostanze chimiche tossiche. Ricorda: qualsiasi cosa ti succeda, entra in te.
      7. Quando si è in auto o in un edificio, aprire i finestrini il più spesso possibile, preferibilmente sui lati opposti dello spazio per la ventilazione trasversale. Utilizza i ventilatori per far circolare l’aria. Gli inquinanti chimici sono in concentrazioni molto più elevate all’interno degli edifici (e delle automobili) che all’esterno.

Fonte dr Mercola

https://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2012/02/08/iodine-is-important-but-new-study-shows-too-much-causes-problems.aspx

Please follow and like us:
Pin Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: