Niacina e melatonina supportano la salute metabolica

Riporto integralmente l’articolo del dr Joseph Mercola

Riepilogo

  • La Niacina e la melatonina hanno un effetto unico sull’adiponectina, un peptide secreto dalle cellule grasse che gioca un ruolo nelle malattie legate all’obesità e ha un’azione diretta sul fegato, sul muscolo scheletrico e sulla vascolarizzazione
  • La Niacina ha contribuito a ridurre l’obesità in un modello animale e in uno studio pilota ha ridotto il grasso addominale di una media del 27% nei partecipanti. Anche la carenza di melatonina è correlata all’obesità e l’integrazione ha portato a una significativa perdita di peso nei gruppi di trattamento
  • La melatonina influenza il ritmo circadiano e il sistema immunitario, riduce anche l’infiammazione ed è un antiossidante: un gruppo di scienziati l’ha definita una “pallottola d’argento” nel trattamento dei pazienti COVID-19

Del Dott. Mercola

La Niacina è anche chiamata vitamina B3. È una vitamina idrosolubile che si trova naturalmente in alcuni alimenti. Può anche essere acquistata come integratore. Studi recenti hanno dimostrato che la Niacina gioca un ruolo nel metabolismo attivo e può aiutare a prevenire il COVID-19 grave.

La Niacina è un precursore del nicotinamide adenina dinucleotide (NAD), che è usato per catalizzare più di 400 reazioni enzimatiche nel corpo. Il NAD è necessario per la stabilità del genoma e il controllo dell’espressione genetica.

Una volta che si forma il NAD, può essere alterato per altri composti necessari come il Nicotinamide adenina dinucleotide fosfato (NADP) e il nicotinamide adenina dinucleotide (NADH). La vitamina aiuta anche a convertire i carboidrati in glucosio e fa parte del processo di produzione di diversi ormoni steroidei.

È raro sviluppare una vera e propria carenza, a meno che non si soffra di una condizione medica sottostante che riduce l’assorbimento nel tratto gastrointestinale. Anche se è disponibile come integratore, quando viene assunto in grandi dosi ci sono diversi effetti collaterali che possono essere scomodi, come le vampate di Niacina.

Si tratta di un effetto collaterale così scomodo che molte persone usano la forma di Niacinamide perché non produce l’effetto collaterale della vampata. Quando viene presa per influenzare i livelli di colesterolo, la niacinamide non è però efficace. I sintomi della vampata di Niacina includono bruciore, prurito o sensazione di formicolio.

La reazione va via man mano che il corpo costruisce una tolleranza, ma bere alcolici peggiora la reazione di vampata. Anche se è irritante, e a volte allarmante se non ci si aspetta l’effetto, la vampata di Niacina è comunque innocua.

La combinazione di Niacina e melatonina migliora il metabolismo

L’adiponectina, secreta dagli adipociti (cellule grasse), gioca un ruolo nelle malattie legate all’obesità come il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari. Il peptide ha un’azione diretta sui vasi, sul fegato e sul muscolo scheletrico. I dati dimostrano che ha effetti antinfiammatori, antiaterogeni e di sensibilizzazione all’insulina, che possono aiutare a ridurre il peso corporeo.

I dati mostrano anche che i livelli di adiponectina nelle persone con malattia coronarica sono più bassi e il peptide modula la funzione endoteliale e l’infiammazione. I dati hanno anche dimostrato che aiuta a migliorare l’iperglicemia e l’iperinsulinemia senza aumento di peso, il che ha portato a testare il peptide in modelli animali per l’obesità.

Uno studio pilota del 2002 ha valutato gli effetti della Niacina contro il grasso addominale e ha scoperto che dopo un anno, l’81% di coloro che assumevano 3.000 mg al giorno riducevano il loro grasso intra-addominale in media del 27%. Gli studi sugli animali hanno dimostrato che la somministrazione di Niacina attenua l’obesità aumentando l’adiponectina.

I modelli animali hanno anche dimostrato che la Niacina può ridurre l’espressione delle citochine proinfiammatorie e ha un effetto anti-infiammatorio. Un secondo studio sugli animali pubblicato due anni dopo ha trovato risultati simili che suggeriscono che la Niacina “esercita un effetto benefico sull’adiposità, la tolleranza al glucosio e la sensibilità all’insulina, e i lipidi plasmatici, e che modula specificamente il livello di adiponectina nel siero in condizioni di obesità”.

Uno studio sugli animali pubblicato su The FASEB Journal ha valutato le vie che la Niacina può utilizzare per mantenere l’omeostasi energetica. I ricercatori hanno allevato topi carenti del recettore della Niacina GPR109A. Una dieta ad alto contenuto di grassi ha indotto l’obesità, cosa che non si è verificata nei topi di tipo selvatico che sono stati trattati con la Niacina.

Inoltre, hanno scoperto che la Niacina ha innescato l’attività termogenica nel tessuto adiposo marrone e bianco e i topi trattati con Niacina hanno avuto una diminuzione dell’assorbimento degli acidi grassi e degli steroli nel loro tratto intestinale.

I dati hanno anche dimostrato che la carenza di melatonina sembra essere correlata all’obesità e in uno studio umano l’integrazione di melatonina sembrava regolare l’attività dell’adiponectina portando a una significativa perdita di peso nel gruppo di trattamento.

Quando l’integrazione di melatonina è stata valutata in 56 donne in postmenopausa, i ricercatori hanno scoperto che l’integrazione di melatonina ha contribuito ad un miglioramento significativo della qualità del sonno e alla riduzione del peso corporeo. Questo ha portato a un recente studio sugli animali in cui i ricercatori hanno valutato la combinazione di Niacina e melatonina sull’obesità.

I risultati dello studio sugli animali sono stati incoraggianti, dato che hanno scoperto che gli effetti dell’integrazione di melatonina e Niacina, oltre all’esercizio sul tapis roulant, hanno portato a una perdita di peso dopo soli 10 giorni. La perdita di peso è stata maggiore nel gruppo di melatonina e Niacina che nel gruppo di sola Niacina e questi due gruppi hanno sperimentato una maggiore perdita di peso rispetto al gruppo di controllo.

Potenziali effetti della Niacina sull’infezione da COVID

Gli effetti antinfiammatori della Niacina e gli effetti che ha sulle citochine hanno portato a diversi articoli che ipotizzano il ruolo che la Niacina può svolgere contro la COVID-19. Inoltre, ci sono altri due studi in fase di sperimentazione clinica con date di completamento previste per dicembre 2021 e giugno 2022.

Uno studio sta valutando il potenziale uso della nicotinamide riboside nei pazienti affetti da COVID-19 per proteggere la funzione renale e il secondo sta utilizzando una forma di vitamina B3 per determinare se riduce la gravità della malattia. Un terzo studio sta indagando su Niacina e COVID negli anziani. Dall’inizio del 2020, sono stati pubblicati tre articoli che valutano la potenziale efficacia della Niacina contro la COVID-19.

Un articolo pubblicato su Maturitas, una collaborazione tra scienziati in Australia e negli Emirati Arabi Uniti, ha postulato che l’effetto delle vitamine del gruppo B sul sistema immunitario e sulla competenza immunitaria può renderlo un utile complemento come strategia di trattamento e possibile prevenzione:

“La vitamina B assiste nella corretta attivazione delle risposte immunitarie innate e adattative, riduce i livelli di citochine pro-infiammatorie, migliora la funzione respiratoria, mantiene l’integrità endoteliale, previene l’ipercoagulabilità e può ridurre la durata del soggiorno in ospedale.

Di conseguenza, si dovrebbe valutare lo stato della vitamina B nei pazienti COVID-19 e la vitamina B potrebbe essere usata come un’aggiunta non farmaceutica ai trattamenti attuali”.

Il documento continua spiegando come ognuna delle vitamine del gruppo B possa aiutare a gestire alcuni dei sintomi della COVID-19, compreso come la Niacina sia un elemento costitutivo del NAD e del NADP, vitali per combattere l’infiammazione. Uno studio di laboratorio pubblicato alla fine del 2020 ha analizzato la Niacina come potenziale trattamento per i pazienti con cancro colorettale che possono avere una maggiore suscettibilità al COVID-19.

I ricercatori hanno dimostrato che la Niacina ha funzioni molecolari che potrebbero aiutare a trattare i pazienti con cancro colorettale che hanno COVID-19, ma i risultati non sono stati convalidati negli esseri umani, quindi i ricercatori hanno raccomandato ulteriori indagini per confermare il potenziale uso.

Recentemente un documento scritto da Dmitry Kats, dottore di ricerca, si concentra specificamente sulla Niacina e ha sollevato la questione sulla possibilità che possa essere un giocatore cruciale nel processo della malattia.

Una marcata elevazione delle citochine proinfiammatorie è stata incolpata di una catena di eventi che portano al fallimento di più organi e alla morte. Potenzialmente il controllo di queste citochine potrebbe ridurre il danno a valle. Il NAD+ gioca un ruolo importante nel controllo delle citochine pro-infiammatorie, e la Niacina è un elemento costitutivo del NAD.

Il curioso caso dei fumatori a ridotto rischio di COVID-19

All’inizio del 2020, i dati hanno mostrato che c’era un basso numero di persone che fumavano quotidianamente e che poi contraevano COVID-19 sintomatico. Questo è curioso, perché il COVID-19 inizia principalmente come una condizione respiratoria, e il fumo è ben noto per i suoi effetti nocivi sui polmoni.

In ogni caso, se questo è considerato alla luce della Niacina, un’insufficienza di Niacina può aumentare il rischio di malattia grave. È interessante notare che la nicotina e la Niacina sono analoghi, ossia il loro funzionamento è simile. Infatti, una disintossicazione di successo dalla dipendenza da nicotina usa la Niacina per aiutare a sostituire la nicotina nel corpo.

Questa relazione può anche aiutare a spiegare perché gli adolescenti diventano così rapidamente dipendenti dal fumo. Un ricercatore ha ipotizzato che se la dieta di un adolescente non ha abbastanza Niacina, questo aumenterebbe il desiderio di tabacco nel corpo. Secondo il National Institutes of Health Office of Dietary Supplements, la dose giornaliera raccomandata di Niacina è di 16 mg per gli uomini e 14 mg per le donne che non sono incinte o in allattamento.

Una porzione di fegato di manzo contiene 14,9 mg, che soddisfa il requisito di una donna. Altrimenti, per soddisfare il requisito giornaliero, una persona dovrebbe mangiare due porzioni di pollo, o due porzioni di salmone, o 3 porzioni di carne macinata o 3 tazze di riso integrale. Una patata media contiene solo 2,3 mg, e una fetta di pane integrale ne contiene solo 1,4 mg.

Queste possono essere quantità sufficienti per evitare la pellagra, una grave carenza di Niacina che può causare sintomi neurologici e progredire verso comportamenti paranoici e suicidi con allucinazioni uditive e visive. Se non trattata, la pellagra può portare alla morte. È facile però capire come l’assunzione con la dieta possa portare a un’insufficienza cronica.

Secondo Kats, l’effetto a valle della Niacina è la segnalazione appropriata del calcio, che è responsabile dell’inibizione della SARS-CoV-2 dall’infettare una cellula e della sua eliminazione da una cellula già infetta. Il processo è regolato dall’acido nicotinico adenina dinucleotide fosfato (NAADP), che è generato dal NADP.

La Niacina è un precursore del NAD, che può essere modificato in NADP. Quindi, senza abbastanza Niacina, il tuo corpo non può fare abbastanza NAADP che influenza la segnalazione del calcio e può quindi aumentare il rischio di gravi COVID-19.

La melatonina aiuta a proteggere le cellule cerebrali durante l’infezione da COVID

La combinazione di melatonina e Niacina può anche avere ulteriori benefici se sei malato di COVID-19. La Frontline COVID-19 Critical Care Alliance (FLCCC) raccomanda anche l’uso della melatonina nei loro protocolli di trattamento ambulatoriale e stazionario.

Nel maggio 2020, un documento scritto da un gruppo di scienziati americani e spagnoli, tra cui il dottor Paul Marik ha suggerito caldamente di considerare la melatonina per la profilassi o il trattamento della SARS-CoV-2.

Marik aveva sviluppato un protocollo di trattamento per la sepsi con risultati eccezionali, e in seguito fece parte del team di medici di assistenza critica che sviluppò i protocolli IMASK e MATH+. Anche altri gruppi di medici si chiedevano se la melatonina potesse essere utile nel trattamento della COVID-19.

Più specificamente un gruppo di ricercatori dalla Turchia ha proposto di usare la melatonina negli anziani, dato che influenza il ritmo circadiano, la funzione cardiovascolare e il sistema immunitario. I ricercatori sanno che i livelli di melatonina diminuiscono con l’età, il che è anche associato alle malattie legate all’età. Hanno ipotizzato che per questo motivo l’integrazione di melatonina può essere utile nel trattamento degli adulti più anziani.

Nel dicembre 2020, un team di scienziati di Buenos Aires e l’Università di Toronto, Canada, hanno collaborato a un documento che suggerisce che c’era un significativo potenziale terapeutico della melatonina per “contrastare le conseguenze delle infezioni COVID-19”.

Gli autori hanno sostenuto che la melatonina ha effetti unici e di vasta portata come agente antinfiammatorio, antiossidante e composto immunomodulatore e potrebbe essere la “pallottola d’argento” nel trattamento dei pazienti COVID-19. Data di notte, potrebbe efficacemente invertire i disturbi del sonno e aiutare a controllare il delirio in alcuni pazienti.

La melatonina è un noto citoprotettore ed è servita in passato per combattere diverse comorbidità associate a malattie gravi, tra cui le malattie cardiovascolari, il diabete e la sindrome metabolica. Inoltre, ha proprietà neuroprotettive che possono potenzialmente ridurre le sequele neurologiche documentate nei pazienti infettati da COVID-19.

Un altro documento, pubblicato nel febbraio 2021 nell’International Journal of Molecular Medicine chiede anche che la melatonina sia utilizzata come trattamento adiuvante dopo aver presentato una breve revisione volta a profilare la melatonina da diversi studi clinici recenti.

La melatonina può ridurre una vampata di Niacina?

Per molte persone una vampata di Niacina è impegnativa e scomoda. Comunque, la continuità di assunzione dell’integratore è necessaria per il trattamento o la prevenzione. È interessante notare che Kats ha prove aneddotiche che l’assunzione di melatonina con la Niacina aiuta a ridurre, e in alcuni casi eliminare, i sintomi di una vampata di Niacina.

In un thread su Twitter – che ora è stato cancellato perché Twitter ha sospeso il suo account – ha descritto il protocollo di combinazione che ha usato, che lui chiama “niatonina”. In questo thread afferma di ritenere che un rapporto di 50 a 1 tra Niacina e melatonina sia la quantità giusta per lui.

Ha però avvertito che se si è intontiti al mattino, allora si è assunta troppa melatonina e non abbastanza Niacina. Allo stesso modo, se hai una reazione di vampata, allora hai preso troppa Niacina e non abbastanza melatonina per bilanciare.

Consiglia anche, da prove aneddotiche, che coloro che hanno sintomi a lungo termine possono trovare sollievo integrando con melatonina e coloro che hanno avuto una lesione o una reazione alla somministrazione possono trovare sollievo usando la combinazione di Niacina e melatonina.

Fonte articolo Dr Mercola


 


Liberatoria (Disclaimer)

Dichiarazione di non responsabilità: questo articolo non è destinato a fornire consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Vitamineral non si assume responsabilità per la scelta degli integratori proposti eventualmente nell’articolo.


image_pdfsalva articolo in PDFimage_printstampa articolo o scarica contenuti

Esegui l'accesso per Commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.