Perché assumere Boro e quanto?
Studi e ricerche

 

Per gli appassionati di ricerche ecco un articolo completo di studi interessanti sul Boro.

Per i profani, invece volevo riferire che trovo il Boro un ottimo cofattore della vitamina D, nel senso che l’aiuta ad alzarne il valore nel sangue, aiuta il magnesio nella gestione del Calcio ed anche del Paratormone.
Quindi è giusto pensare che un Paratormone che fa fatica a scendere o un calcio che si è alzato troppo, trovino la risposta in una carenza di Boro.
da 3 a 10 mg al giorno è un dosaggio utile.

Riferimenti

Dove acquistarlo ed in che forma

Integratore a base di Boro ottenuto da lieviti saccaromiceti


  • Now Foods, confezioni da 250 cps da 3 mg.

Reperibile su EBay e KGC Shop

 

 

 

Altri integratori con Boro li trovate su Macrolibrarsi


Traduzione dagli studi sul Boro

Cos’è il boro?
Il boro è un minerale traccia con effetti biologici, anche se la sua essenzialità è dibattuta.
Si ritiene aumenti il ​​testosterone se integrato a dosi più elevate rispetto al cibo, ma mancano ricerche. Potrebbe essere un sottoprodotto dei suoi effetti antinfiammatori.
Quali sono i benefici del boro?

Sembra essere in grado di ridurre i livelli di marcatori infiammatori e può ridurre l’artrite reumatoide , l’osteoartrite e i crampi mestruali , anche se sono necessarie molte più ricerche prima di poter essere sicuri di questi benefici. Potrebbe anche avere un piccolo effetto positivo sul colesterolo LDL , ma questo non è certo.

Quali sono gli effetti collaterali e gli svantaggi del boro?

Sembra essere generalmente sicuro, anche se manca la ricerca sull’uomo sui suoi effetti avversi, quindi potrebbero essere giustificate dosi più piccole.

Informazioni sul dosaggio

La dose attiva più bassa di integrazione di Boro sembra essere 3 mg, che è efficace nel supportare i parametri ormonali nelle donne in postmenopausa. Gli studi sull’osteoartrosi hanno utilizzato 6 mg di boro mentre gli studi sui giovani che indagavano sui cambiamenti ormonali hanno utilizzato 10 mg.

La dose ottimale non è attualmente nota, ma le dosi sopra indicate sembrano essere attive per gli obiettivi sopra menzionati.


1 .Fonti e struttura

Il boro è un minerale alimentare che, sebbene venga assunto quotidianamente, non è stato accettato come vitamina o minerale essenziale. Al momento non è previsto un requisito minimo noto.

1 . 1Fonti

Le fonti più importanti di boro nella dieta sono frutta, verdura, tuberi e acqua potabile. [1] Viene utilizzato anche in alcuni prodotti industriali ed è plausibile la possibilità che i livelli sierici di boro aumentino in conseguenza di ciò, soprattutto se entra in contatto con ferite. [2] Buone fonti di boro sono: [1]

  • Avocado (circa 1,11 mg/0,102 mmol per avocado) [3]
  • Cipolle in scaglie, disidratate (6.573+/-3.228mcg/g)
  • Cannella macinata (10,37+/-0,661 mcg/g)
  • Prezzemolo (26.878+/-1.778mcg/g)
  • Succo di mela (1.881+/-0.082mcg/g) e salsa (2.828+/-0.12mcg/g)
  • Ciliegie (1.482+/-0.243mcg/g)
  • Succo d’uva (2.020+/-0.265mcg/g)
  • Pesche (1.872+/-0.112mcg/g)
  • Brodo di manzo (1.264+/-0.609mcg/g)
  • Gelato (0,192+/-0,03 mcg/g)
  • Farina (0,275+/-0,139)
  • Cornflakes fortificati (0,314+/-0,079 mcg/g)
  • Pane bianco arricchito (0,202+/-0,07 mcg/g)
  • Gambo di broccoli (0,889+/-0,039 mcg/g)

I prodotti con un valore trascurabile (meno di 0,015 mcg/g) sono: [1]

  • Manzo e Pollo
  • Formaggi e latticini escluso il gelato
  • Amido di mais
  • Riso
  • Spaghetti
  • Gelatina, budini o zucchero

1 . 2 Significato biologico

Il Boro è un minerale che partecipa anche come acido di Lewis, legandosi ai gruppi idrossilici (azione antiossidante, ma probabilmente insignificante a causa delle scarse quantità di Boro de novo); quando il boro si lega a tre gruppi idrossilici, la struttura viene definita acido borico o acido boracico. [4]

2 .Farmacologia

2 . 1 Assorbimento

Sembra che il boro venga assorbito dall’intestino e sia quasi completo [5] poiché l’84% di una dose radiomarcata è stata trovata nelle urine dopo una dose orale di 10 mg in persone altrimenti sane. [6]

Si ritiene che il trasporto passivo possa svolgere un ruolo poiché il boro è il più piccolo metalloide conosciuto [7] (questo è stato notato nelle piante [8] ), sebbene anche le piante abbiano mostrato trasportatori che accettano selettivamente il boro. [9] [10] Per quanto riguarda i mammiferi, un trasportatore del borato accoppiato al sodio (NaBCl o SLC4A11) è stato identificato nel ratto, [11] nei suini [12] e nel tessuto intestinale umano [13] ed è sensibile al boro alimentare. [12]

Il boro sembra essere ben assorbito dall’intestino e ciò potrebbe essere dovuto al fatto che viene assorbito (come borato) tramite il trasportatore noto come SLC4A11

2 . 2 Siero

La somministrazione orale di 11,4 mg di boro (tramite 102,6 mg di sodio tetra borato decaidrato) insieme a un pasto può aumentare le concentrazioni plasmatiche di boro entro un’ora con un picco a 4 ore dopo il consumo[14] fluttuando da 0,008-0,016 mg/l nel placebo, con un picco fino a 0,058 mg/l dopo 1 ora e un picco di 0,136 mg/l dopo 4 ore. [14]
Questo studio non è riuscito a notare differenze nelle concentrazioni di boro urinario per 2 giorni di raccolta. Uno studio che misurava gli effetti del boro nel siero ha osservato che l’integrazione standard di boro a 10 mg era in grado di influenzare biomarcatori selezionati secondo la stessa sequenza temporale (con picco di efficacia a 4 ore e alcuni a 1 ora). [15]

2 . 3 – Eliminazione

È stato notato che a livelli di assunzione alimentari il boro viene perso in minima parte nelle feci (2%), mentre altre vie di perdita sono urinarie e, in una certa misura, attraverso il sudore e il respiro. [5] [16]

Uno studio condotto su donne in postmenopausa a cui sono stati somministrati 3 mg di boro supplementare ha rilevato che la maggior parte dei nati supplementari veniva escreta (principalmente attraverso le urine), il che non è riuscito a supportare l’idea che il boro si accumuli nel corpo. [17] L’escrezione estremamente rapida del boro attraverso le urine è stata notata in altre parti dell’uomo. [18]

3 . Neurologia e cervello

3 . 1 – Carenza

Una carenza di boro (assunzione inferiore a 0,23 mg al giorno) sembra alterare l’attività delle onde cerebrali; potenziamento del potere delta nei lobi parietali e temporali di sinistra e diminuzione dell’attività del lobo frontale; risultati simili alla carenza intenzionale di magnesio . [19] Questo stato di carenza è associato a deterioramento cognitivo se abbinato a un’assunzione adeguata di 3 mg o più [20] che può essere associato al coinvolgimento del boro nella stabilizzazione della membrana neuronale. [21] [22]

Può svolgere un ruolo nel preservare la funzione neuronale, ma attualmente non esistono prove di intervento a sostegno dell’integrazione

4 . Interazioni con le prestazioni

Non pervenute

5 .Metabolismo del glucosio

5 . 1 – Interventi

La somministrazione orale di 11,6 mg di boro non riesce ad influenzare l’insulina plasmatica o il glucosio dopo un pasto di prova nonostante i livelli sierici di boro siano aumentati. [14]

6 . Massa ossea e scheletrica

6 . 1 – Osteoartrite

È stato ipotizzato che 6 mg al giorno di boro (tetraborato) potrebbero alleviare l’infiammazione delle articolazioni, [23] che è stato seguito da uno studio pilota su 20 pazienti con osteoartrite confermata che ha mostrato una risposta del 50% (metà dei pazienti che hanno riportato benefici) con 55 mg di sodio tetraborato decaidrato. (6 mg di boro elementare) suggerendo alcuni possibili benefici per l’osteoartrosi. [24] Ciò può essere correlato all’osservazione che il liquido osseo e sinoviale delle persone artritiche è inferiore a quello dei controlli sani. [23]

6 . 2 – Interventi

In uno studio in singolo cieco che ha valutato sia donne atletiche che sedentarie a cui sono state somministrate 3 mg di boro (chelazione mista di aspartato, citrato e glicinato) al giorno per 10 mesi in combinazione con una dieta sufficiente di boro, il boro è stato associato a una leggera riduzione dei livelli di fosforo circolante. (1,5 mmol/L ridotto a 1,3 mmol/L negli atleti; 1,7 mmol/L ridotto a 1,4 mmol/L nei sedentari) senza alcuna influenza significativa sui livelli sierici di calcio o magnesio . [25] Sembrava esserci una riduzione della minzione di fosforo e un leggero aumento del calcio urinario solo nelle atlete. [25]

Quando c’è carenza di magnesio, l’integrazione di boro sembra ancora sopprimere i livelli urinari di fosforo, [26] la riduzione del calcio urinario è stata notata in donne con un basso apporto di magnesio nella dieta in un altro studio e questo non è stato notato insieme all’integrazione di magnesio (non carente). [17]

7 . Infiammazione e immunologia

7 . 1 – Citochine

6 giorni di integrazione di 10 mg di boro sono in grado di ridurre i livelli di TNF-a nel siero del 19,1%, di proteina C-reattiva ad alta sensibilità del 45% e di IL-6 del 43,9% in maschi altrimenti sani. [15]

8 . Interazioni con gli ormoni

8 . 1 – Testosterone

Meccanicamente, le concentrazioni di boro in vitro negli omogenati testicolari non sono associate ai tassi di conversione dell’androstenedione in testosterone. [27]

Uno studio condotto su uomini altrimenti sani ha osservato che l’integrazione acuta di boro, per un periodo di 6 ore, non è riuscita ad aumentare i livelli di testosterone totale, ma ha avuto la tendenza ad aumentare il testosterone libero (+14,7%) e il DHT (+9,9%) sebbene nessuno dei due fosse statisticamente significativo. tuttavia ha ridotto significativamente la globulina legante gli ormoni sessuali (SHBG) del 9% al limite delle 6 ore, ma ha richiesto 2 ore per raggiungere il significato. [15]
Dopo 7 giorni di integrazione, l’aumento del testosterone libero (28,3%) ha raggiunto un valore significativo, ma la diminuzione dell’SHBG non lo è stata. [15]
Un altro studio che ha utilizzato 4 settimane di integrazione di boro da 10 mg ha rilevato una tendenza verso un aumento del testosterone (11,4%) ma non è riuscito a raggiungere la significatività statistica. [6]

È stato condotto uno studio su uomini atletici che partecipavano al bodybuilding, utilizzando una dose inferiore. 2,5 mg di boro al giorno per 9 settimane hanno aumentato i livelli di boro nel plasma (da 20,1 ppb a 32,6 ppb; un aumento del 62%) ma non sono riusciti a trovare differenze significative tra i gruppi per nessuno degli ormoni misurati. [28]

Negli adulti maschi sani, la supplementazione di boro sembra avere risultati contrastanti. È stato implicato nell’aumento del testosterone, ma questi possono dipendere dal tempo o dalla dose poiché studi prolungati con la stessa dose o con una dose inferiore non riescono a replicare l’aumento del testosterone libero osservato in uno studio

Nelle donne in postmenopausa che seguono una dieta carente di boro (0,25 mg al giorno), un’integrazione di 3 mg può preservare una diminuzione del testosterone indotta dalla dieta. [26] L’aumento sembrava essere di maggiore entità quando il magnesio nella dieta era basso, suggerendo che il boro potrebbe agire su meccanismi simili.

La carenza di boro sembra ridurre lo stato degli androgeni nelle donne e una quantità sufficiente può ripristinarne i livelli; un fenomeno simile a quello osservato con lo zinco

Uno studio tossicologico sui ratti ha osservato che, per quanto riguarda il testosterone, in 30 giorni di osservazione si è verificato un aumento del testosterone in modo dose-dipendente fino ad aumenti del 122% (2000 ppm), ma che la progressione degli effetti tossicologici oltre 60 giorni hanno invertito l’aumento del testosterone nel gruppo più alto fino a ridurlo, mentre il gruppo più basso (500 mg), sperimentando un aumento del 10,5% al ​​giorno 30, lo ha aumentato al 158% al giorno 60. [29] Questi risultati suggeriscono che l’accumulo di boro nei testicoli contribuisce ad un aumento del testosterone, e il tempo o la dose possono essere fattori che contribuiscono e sono stati replicati con 25 mg/kg nell’arco di 6 settimane (tossicità), mentre 2-12,5 mg/kg sono stati associati a miglioramenti del testosterone. [27]

8 . 2 – Estrogeni

In uomini adulti altrimenti sani, 10 mg di boro al giorno per una settimana riducono significativamente l’estradiolo sierico (un estrogeno) da 42,33 pg/ml a 25,81 pg/ml (39%), sebbene non sia stato osservato alcun effetto significativo dopo una singola dose quando misurata per 6 ore dopo. [15] Al contrario, un altro studio ha rilevato che per 4 settimane con 10 mg di boro si sono riscontrati aumenti di estradiolo sierico da 51,9 pmol/mL a 73,9 pmol/L in 18 uomini apparentemente sani. [6]

Due studi su maschi ed estrogeni, con risultati dicotomici alla stessa dose nella stessa popolazione

Nelle donne in postmenopausa che seguono una dieta carente di boro, l’integrazione di boro a 3 mg al giorno è in grado di preservare i livelli di estrogeni che diminuiscono durante la carenza di boro. [26]

8 . 3 – Ormone luteinizzante

10 mg di boro al giorno per una settimana non influenzano in modo significativo l’LH nei maschi adulti [15] e anche dosi variabili nei ratti che raggiungono dosi tossiche non riescono a influenzare l’LH. [29]

8 . 4 Ormone che stimola i follicoli

Nei ratti alimentati con 500, 1.000 o 2.000 ppm di boro per 60 giorni, in tutti i gruppi è stato osservato un aumento dell’FSH dipendente dal tempo e dalla dose. [29]

8 . 5 – Cortisolo

Una settimana di integrazione di boro da 10 mg in maschi altrimenti sani non riesce a influenzare il cortisolo. [15]

9 . Interazioni con i sistemi di organi

9 . 1 – Testicoli

Uno studio sui ratti ha rilevato che dosi più elevate (associate a tossicità testicolare) avevano concentrazioni testicolari elevate di boro, indicative di un accumulo selettivo di boro nei testicoli o forse che la concentrazione era distorta a causa dell’atrofia testicolare; non è stato notato con una dose inferiore a 500 ppm. [29]

9 . 2 – Prostata

Nel valutare una coorte di 35.222 uomini con 832 casi confermati di cancro alla prostata in 3 anni di sorveglianza, è stato notato che il quartile più alto non era significativamente protetto contro il cancro alla prostata rispetto al quartile più basso; il rispettivo RR era 1,17 (CI 0,85-1,61). [30] Ciò è in contrasto con uno studio precedente che aveva riscontrato un RR di 0,63 che indicava quasi la metà del rischio con una dieta ad alto contenuto di boro. [31]

9 . 3 – Vescica e tratto urinario

Una lettera all’editore del Journal of Alternative and Complementary Medicine prende atto di un piccolo studio con 14 partecipanti. [32] 10 mg di boro al giorno sono stati somministrati a persone con urolitiasi confermata (calcoli renali) e i pazienti tendevano a riferire una riduzione del dolore dopo 2-3 giorni di trattamento e diversi pazienti hanno notato la scomparsa di calcoli renali entro poche settimane di trattamento; il tempo necessario per eliminare i calcoli renali era molto variabile. [32]

Prove preliminari che il boro può aiutare l’escrezione dei calcoli renali e il dolore associato

10 . Interazioni nutriente-nutriente

10 . 1 – Vitamina D

La supplementazione di boro interagisce con il metabolismo della vitamina D. [33] Ciò è esemplificato da una dieta carente di boro (marginalmente in magnesio e rame) che riduce i livelli di vitamina D a 44,9 nM di 25-idrossivitamina D dopo 63 giorni, ma aumenta di nuovo a 62,4 nM dopo 49 giorni di rifornimento con 3 mg di boro [ 34 ] e un intervento che utilizzava 6 mg di fruttoborato (forma di boro immagazzinata nel frutto) che rilevava un aumento del 20% della 25-idrossivitamina D in individui carenti di vitamina D e si diceva che non fosse dovuto a fluttuazioni stagionali. [33]

Attualmente queste osservazioni non hanno meccanismi comprovati; un autore ha ipotizzato che il boro possa reagire con un metabolita della vitamina D per formare un inibitore competitivo della 24-idrossilasi, un enzima nella sintesi della vitamina D, o altrimenti inibire direttamente l’enzima. [33] Questa ipotesi non è stata verificata.

Sembra elevare i livelli di un intermedio tra la vitamina D3 e la vitamina D3 ormonalmente attiva, attraverso meccanismi sconosciuti

11 . Sicurezza e tossicologia

11 . 1 – Generale

Il limite superiore tollerabile (TUL) del boro è stato fissato a 20 mg al giorno per le persone di età superiore ai 18 anni. [35] Questo è leggermente superiore al limite superiore avverso non osservabile (NOAEL) di 17,5 mg basato su studi sui ratti. [36]

È stato notato [37] che non vi è alcuna prova chiara di danni ai testicoli derivanti da un’eccessiva esposizione al boro, il che è in contrasto con molti metalli presenti nella dieta. Livelli di acqua di 6,5 mg/l in un’area mineraria di boro non sono associati a danni ai testicoli [38] e quando i livelli sierici sono stati confermati a 499,2 ppb e concentrati nel liquido seminale non si sono verificati danni avversi sui parametri seminali [39] né sono stati accertati. osservato in una coorte con una media di 14,45 mg al giorno, con un intervallo di assunzione superiore a 30 mg. [36]

Questa assenza di effetti tossici sui testicoli è stata estesa ai ratti che ricevevano 500 ppm al giorno per 60 giorni, sebbene 1.000-2.000 ppm fossero associati all’accumulo di boro testicolare e all’atrofia testicolare. [29] Questi effetti sono stati replicati nei ratti esposti a 1173 mg per 90 giorni. [40]

Il danno testicolare derivante da livelli eccessivi di boro sembra essere almeno tre volte superiore rispetto alle dosi supplementari standard e probabilmente non costituisce un problema con un’adeguata integrazione

11 . 2 – Tossicità acuta del boro

È stato riportato (nessun caso di studio citato) che dosi orali di 5-6 g di boro (5.000-6.000 mg) nei neonati o 15-20 g negli adulti (15.000-20.000 mg) causano morte acuta negli esseri umani. [29]

Il boro, essendo utilizzato nei pesticidi, ha alcune informazioni tossicologiche negli animali che sono fortemente sovraesposti al boro.

Riferimenti
  1. Hunt CD, Shuler TR, Mullen LM Concentrazione di boro e altri elementi negli alimenti umani e nei prodotti per la cura personale J Am Diet Assoc. (1991 maggio)
  2. Siegel E, Wason S Tossicità dell’acido borico Pediatr Clin North Am. (aprile 1986)
  3. Concentrazioni e assunzioni di H, B, S, K, Na, Cl e NaCl negli alimenti(Gennaio 1994)
  4. Loomis WD, Durst RW Chimica e biologia dei biofattori del boro. (1992 aprile)
  5. Devirian TA1, Volpe SL Gli effetti fisiologici del boro alimentare Crit Rev Food Sci Nutr. (2003)
  6. Naghii MR1, Samman S L’effetto dell’integrazione di boro sulla sua escrezione urinaria e fattori di rischio cardiovascolare selezionati in soggetti maschi sani Biol Trace Elem Res. (marzo 1997)
  7. Zangi R1, Filella M Vie di trasporto dei metalloidi dentro e fuori la cellula: una revisione delle conoscenze attuali Chem Biol Interact. (aprile 2012)
  8. Dordas C1, Brown PH Permeabilità dell’acido borico attraverso i doppi strati lipidici e fattori che lo influenzano J Membr Biol. (maggio 2000 )
  9. Makuki Tanaka NIP6;1 è un canale dell’acido borico per il trasporto preferenziale del boro ai tessuti dei germogli in crescita nell’Arabidopsis(Ottobre 2008)
  10. Dordas C1, Chrispeels MJ, Brown PH Permeabilità e trasporto mediato dai canali dell’acido borico attraverso vescicole di membrana isolate dalle radici di zucca Plant Physiol. (2000 novembre)
  11. Park M1, Li Q, Shcheynikov N, Zeng W, Muallem S NaBC1 è un trasportatore di borato elettrogenico accoppiato a Na+ onnipresente essenziale per l’omeostasi del boro cellulare e la crescita e proliferazione cellulare Mol Cell. (novembre 2004)
  12. Liao SF1, Monegue JS, Lindemann MD, Cromwell GL, Matthews JC L’integrazione alimentare di boro altera in modo differenziale l’espressione dell’mRNA del trasportatore del borato (NaBCl) nel digiuno e nel rene di suini in crescita Biol Trace Elem Res. (2011 novembre)
  13. Damkier HH1, Nielsen S, Praetorius J Espressione molecolare di trasportatori anionici Na+-dipendenti derivati ​​da SLC4 in tessuti umani selezionati Am J Physiol Regul Integr Comp Physiol. (Novembre 2007)
  14. Wallace JM, Hannon-Fletcher MP, Robson PJ, Gilmore WS, Hubbard SA, Strain JJ Boron supplementation andactivated factor VII in healthy men Eur J Clin Nutr. (2002 novembre)
  15. Naghii MR, Mofid M, Asgari AR, Hedayati M, Daneshpour MS Effetti comparativi dell’integrazione giornaliera e settimanale di boro sugli ormoni steroidei plasmatici e sulle citochine proinfiammatorie J Trace Elem Med Biol. (Gennaio 2011)
  16. Samman S1, Naghii MR, Lyons Wall PM, Verus AP Gli effetti nutrizionali e metabolici del boro nell’uomo e negli animali Biol Trace Elem Res. (1998)
  17. Hunt CD, Herbel JL, Nielsen FH Risposte metaboliche delle donne in postmenopausa all’integrazione di boro e alluminio nella dieta durante l’assunzione abituale e bassa di magnesio: assorbimento e ritenzione di boro, calcio e magnesio e concentrazioni di minerali nel sangue Am J Clin Nutr. (marzo 1997)
  18. Vanderpool RA, Hoff D, Johnson PE Uso della spettrometria di massa al plasma accoppiata induttivamente negli esperimenti sugli isotopi stabili del boro-10 con piante, ratti e esseri umani Environ Health Perspect. (1994 novembre)
  19. Penland JG Analisi quantitativa degli effetti EEG in seguito alla privazione sperimentale marginale di magnesio e boro Magnes Res. (1995 dicembre )
  20. Penland JG Boro dietetico, funzione cerebrale e prestazioni cognitive Environ Health Perspect. (1994 novembre )
  21. La saga del boro negli alimenti: da conservante alimentare bandito a nutriente benefico per l’uomo(1991)
  22. Naghii MR, Samman S Il ruolo del boro nella nutrizione e nel metabolismo Prog Food Nutr Sci. (1993 ottobre-dicembre )
  23. Newnham RE Essenzialità del boro per ossa e articolazioni sane Environ Health Perspect. (1994 novembre )
  24. Boro e artrite: i risultati di uno studio pilota in doppio cieco (2009)
  25. Meacham SL, Taper LJ, Volpe SL Effetto dell’integrazione di boro su calcio, magnesio, fosforo nel sangue e nelle urine e boro urinario in donne atletiche e sedentarie Am J Clin Nutr . (febbraio 1995)
  26. Nielsen FH, Hunt CD, Mullen LM, Hunt JR Effetto del boro alimentare sul metabolismo di minerali, estrogeni e testosterone nelle donne in postmenopausa FASEB J. (1987 novembre)
  27. L’effetto dell’integrazione di boro sulla distribuzione del boro in tessuti selezionati e sulla sintesi del testosterone nei ratti(settembre 1996)
  28. Ferrando AA, Green NR L’effetto dell’integrazione di boro sulla massa corporea magra, sui livelli plasmatici di testosterone e sulla forza nei bodybuilder maschi Int J Sport Nutr. (1993 giugno)
  29. Lee IP, Sherins RJ, Dixon RL Prove per l’induzione di aplasia germinale nei ratti maschi mediante esposizione ambientale al boro Toxicol Appl Pharmacol. (1978 agosto)
  30. Gonzalez A, Peters U, Lampe JW, White E Assunzione di boro e rischio di cancro alla prostata Il cancro causa il controllo. (2007 dicembre)
  31. Barranco WT, Hudak PF, Eckhert CD Valutazione degli effetti ecologici e in vitro del boro sul rischio di cancro alla prostata (Stati Uniti) Controllo delle cause del cancro. (febbraio 2007)
  32. Naghii MR, Einollahi B, Rostami Z Prove preliminari suggeriscono un ruolo protettivo per il boro nell’urolitiasi J Altern Complement Med. (marzo 2012)
  33. Miljkovic D, Miljkovic N, McCarty MF Impatto regolatorio del boro sulla funzione della vitamina D – riflette l’inibizione dell’ipotesi Med della 24-idrossilasi. (2004)
  34. Nielsen, Muller, Gallagar Effetto della deplezione e replezione di boro sugli indicatori ematici dello stato del calcio negli esseri umani alimentati con una dieta a basso contenuto di magnesio (1990) (Sito alternativo)
  35. Trumbo P, Yates AA, Schlicker S, Poos M Assunzioni dietetiche di riferimento: vitamina A, vitamina K, arsenico, boro, cromo, rame, iodio, ferro, manganese, molibdeno, nichel, silicio, vanadio e zinco J Am Diet Assoc. (marzo 2001)
  36. Duydu Y, Başaran N, Üstündağ A, Aydin S, Ündeğer Ü, Ataman OY, Aydos K, Düker Y, Ickstadt K, Waltrup BS, Golka K, Bolt HM Parametri di tossicità riproduttiva e monitoraggio biologico nelle persone esposte al boro sul lavoro e sull’ambiente a Bandirma, Turchia Arch Toxicol. (2011 giugno)
  37. Pizent A, Tariba B, Živković T Tossicità riproduttiva dei metalli negli uomini Arh Hig Rada Toksikol. (2012)
  38. Korkmaz M, Yenigün M, Bakırdere S, Ataman OY, Keskin S, Müezzinoğlu T, Lekili M Effetti dell’esposizione cronica al boro sul profilo dello sperma Biol Trace Elem Res. (2011 novembre)
  39. Robbins WA, Xun L, Jia J, Kennedy N, Elashoff DA, Ping L Esposizione cronica al boro e parametri dello sperma umano Reprod Toxicol. (2010 aprile )
  40. Weir RJ Jr, Fisher RS ​​Studi tossicologici su borace e acido borico Toxicol Appl Pharmacol. (1972 novembre )


Liberatoria (Disclaimer)

Dichiarazione di non responsabilità: questo articolo non è destinato a fornire consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Vitamineral non si assume responsabilità per la scelta degli integratori proposti eventualmente nell’articolo.


image_pdfsalva articolo in PDFimage_printstampa articolo o scarica contenuti