Ruolo dei nutrienti per la salute delle orecchie e miglioramento degli Acufeni

Trattamenti alternativi dell’acufene: medicina alternativa

“Poiché la medicina occidentale è rimasta ampiamente infruttuosa nel trattamento dei sintomi dell’Acufene, molti medici e pazienti si sono rivolti a opzioni terapeutiche alternative per ridurre la sofferenza dei pazienti e migliorare la loro qualità di vita.

Sebbene la ricerca nella medicina complementare/integrativa continui ad essere scarsa e inconcludente , gli studi puntano verso gli effetti positivi dell’agopuntura, dei rimedi erboristici, degli integratori alimentari, degli antiossidanti, della melatonina e dell’ipnosi sull’acufene.

Sebbene l’efficacia di questi trattamenti sia incoerente e possa dipendere dalle circostanze specifiche del paziente, gli studi riconoscono che ogni trattamento vale la pena provare alla luce dei potenziali benefici essendo non invasivo e ben tollerato.”

Quindi abbiamo trovato alcuni studi sui seguenti integratori di vitamine, minerali ed amminoacidi:

  • Potassio
  • Magnesio
  • Zinco
  • Vitamina A (beta-carotene)
  • Vitamina B-12
  • Vitamina C
  • Vitamina D
  • Folati
  • Taurina

Consigliamo, per nostra esperienza, di non ricorrere ad integratori multivitaminici, specie se indirizzati proprio al disturbo degli Acufeni poiché non garantiscono i dosaggi di efficacia. Benché sembrino così comodi da assumere, è meglio usare integratori singoli per ciascun nutriente, a garanzia di maggiore efficacia e con migliori speranze di attenuare i disturbi dell’orecchio.

La serie di soluzioni nutraceutiche che andiamo a presentarvi sono già in parte vitamine e minerali che usiamo per mantenimento della salute in generale. Per chi si approccia per la prima volta alle integrazioni può sembrare una novità, ma è essenziale capire che più integratori lavorano meglio assieme. Quindi affidarsi solo ad una vitamina o un minerale per migliorare gli acufeni, non è una buona strategia.

È bene sapere che la carenza di vitamine e minerali colpisce in ogni distretto del corpo e proprio gli organi più piccoli con microcircolazione, sono i primi a risentirne.

Vitamite e integratori: i benefici per le orecchie

Tratto da Amplifon

Sappiamo tutti che vitamine e minerali fanno bene alla nostra salute generale. Ma sapevate che questi benefici si estendono anche alle nostre orecchie? Dal Potassio al Magnesio alle vitamine C ed E, queste sostanze nutritive sono molto efficaci quando si tratta della cura dell’udito. Scopriamo quali vitamine ed integratori sono noti per aiutare la salute dell’orecchio.

Minerali per la salute delle orecchie

I minerali sono sostanze che si trovano nell’acqua e nel terreno e che le piante assorbono. Quando consumiamo prodotti vegetali (o animali che hanno mangiato questi prodotti vegetali), il nostro corpo raccoglie i benefici di questi nutrienti.

È stato dimostrato che il Magnesio e altri minerali aiutano o migliorano le condizioni comuni dell’udito come la perdita dell’udito legata all’età, le infezioni dell’orecchio e il tinnito (ronzio nelle orecchie). Ecco uno sguardo più da vicino ad alcuni di questi minerali.

MAGNESIO

Il Magnesio previene i danni all’orecchio interno

La perdita dell’udito indotta dal rumore è un problema di salute significativo tra gli adulti. Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che il Magnesio può svolgere un ruolo importante nel proteggere le nostre orecchie dagli effetti dannosi del rumore. I suoni forti stimolano la produzione di molecole di radicali liberi nel nostro orecchio, che danneggiano le delicate cellule ciliate dell’orecchio interno. Poiché queste cellule ciliate sono necessarie per trasmettere il suono dall’orecchio al cervello, questo danno può portare alla perdita dell’udito indotta dal rumore.

La buona notizia: le prove suggeriscono che il Magnesio è un minerale importante per la salute dell’orecchio perché aiuta a bloccare l’attività di queste molecole che danneggiano le cellule. In uno studio, 300 soggetti a cui è stato dato un supplemento di Magnesio prima dell’esposizione prolungata al rumore forte hanno avuto significativamente meno probabilità di sviluppare una perdita dell’udito indotta dal rumore rispetto al gruppo di controllo.

Molte persone con perdita dell’udito indotta dal rumore soffrono anche di acufeni. È stato dimostrato che il Magnesio allevia la gravità dei sintomi dell’acufene. Un apporto sano di Magnesio mantiene anche i vasi sanguigni rilassati, permettendo al sangue di fluire adeguatamente in tutto il corpo, anche attraverso i vasi dell’orecchio interno.

POTASSIO

Il Potassio aiuta a convertire il suono

Il Potassio aiuta il nostro corpo a fare un sacco di cose, tra cui aiutare a regolare il fluido nel sangue e nei tessuti. I ricercatori hanno scoperto che il fluido nel nostro orecchio interno ha bisogno di Potassio come parte del suo processo cruciale di conversione del suono in impulsi nervosi che vengono inviati al cervello. I livelli di Potassio nel nostro orecchio interno diminuiscono con l’età, il che può contribuire alla perdita dell’udito legata all’età. Pertanto, è importante fare il pieno di alimenti ricchi di Potassio per aiutare a mantenere una buona fornitura ed equilibrio di questo minerale nell’orecchio interno.

ZINCO

Lo Zinco combatte i batteri e i virus

Questo micronutriente è noto per i suoi poteri immunitari e la sua capacità di aiutare a combattere il raffreddore. Lo Zinco aiuta ad attivare e produrre le cellule T (linfociti T), le cellule difensive del nostro corpo che sono specificamente progettate per riconoscere e distruggere batteri, virus e altri invasori. Mentre gli studi hanno mostrato risultati contrastanti sul fatto che questo minerale prevenga effettivamente le infezioni dell’orecchio, non è una cattiva idea fare il pieno di cibi ricchi di questo minerale anti-infiammatorio per la salute dell’udito. Un problema legato all’udito che lo Zinco ha dimostrato di aiutare è la perdita improvvisa dell’udito. La ricerca mostra che l’integrazione di Zinco può aiutare a recuperare e migliorare l’udito per coloro che sperimentano la perdita improvvisa dell’udito neurosensoriale (SSNHL).

Nota: Controllate il vostro medico prima di aggiungere un supplemento di Zinco alla vostra routine, soprattutto se prendete antibiotici o diuretici, perché lo Zinco può interagire negativamente con questi tipi di farmaci.

Vitamine per la salute dell’orecchio

Le vitamine sono sostanze organiche che si trovano nelle piante e negli animali e di cui abbiamo bisogno per crescere e rimanere sani. Il nostro corpo non produce abbastanza vitamine da solo, quindi è importante consumare una varietà di cibi ricchi di vitamine e/o prendere integratori vitaminici. Ti stai chiedendo quali vitamine potrebbero migliorare l’udito o scongiurare la perdita dell’udito? Ecco alcuni esempi.

FOLATI

Folati per combattere i radicali liberi

Bassi livelli di Folato sono stati collegati a una maggiore incidenza di perdita dell’udito. In uno studio, un’integrazione costante di Acido Folico ha portato a un tasso più lento di perdita dell’udito.

Come fa il Folato a migliorare l’udito? In primo luogo, l’Acido Folico sembra aiutare il corpo a metabolizzare l’omocisteina, un amminoacido che può ridurre e compromettere il flusso di sangue all’orecchio interno (così come altre parti del corpo). La ricerca suggerisce fortemente che la corretta metabolizzazione di questo amminoacido gioca un ruolo significativo nello sviluppo e nella progressione della perdita uditiva neurosensoriale.

I folati sono anche un antiossidante che aiuta a combattere i radicali liberi – quelle piccole molecole fastidiose che hanno guadagnato la reputazione di causare tutta una serie di problemi nel corpo nel tempo. L’attività dei radicali liberi può ridurre il flusso di sangue all’orecchio interno e danneggiare le delicate cellule sensoriali del nostro orecchio, necessarie per un udito sano. E una volta che queste cellule sono distrutte, non possono ricrescere.

Cosa scatena la produzione di radicali liberi? Spesso è un fattore di stress per il corpo, come un rumore eccessivo o forte. La ricerca ha dimostrato che l’esposizione al rumore forte innesca un aumento della formazione di questi dannosi radicali liberi.


VITAMINA D

La vitamina D mantiene forti le ossa dell’orecchio

La vitamina D è importante per la salute delle ossa. Non assumerne abbastanza può portare danno alle ossa di tutto il nostro corpo, compreso il trio di ossa piccolissime, ma cruciali, del nostro orecchio medio. Senza vitamina D, gli ossicini dell’orecchio possono ammorbidirsi e indebolirsi, il che può compromettere l’udito. La vitamina D è importante per le persone di ogni età, ma è particolarmente importante per gli adulti ed anziani, che per ragioni metaboliche hanno spesso meno vitamina D. 

VITAMINA A e C

Il Magnesio con le vitamine A e C

Gli studi hanno dimostrato che una dieta ricca di Magnesio, vitamina C e beta-carotene (che il nostro corpo converte in vitamina A) è associata a un minor rischio di perdita dell’udito. Sembra che possano proteggere dai danni alle cellule dell’orecchio interno causati dai radicali liberi. Le vitamine A, C ed E sono antiossidanti e hanno dimostrato di arrestare la produzione eccessiva di questi radicali liberi, che (come già detto) possono danneggiare le cellule delicate delle nostre orecchie necessarie per un udito corretto. Gli studi sugli animali hanno anche dimostrato che integrare le vitamine A, C ed E (più il Magnesio) prima dell’esposizione al rumore forte può effettivamente aiutare a prevenire i danni all’udito indotti dal rumore.

Il legame tra il tinnito e le vitamine

Ci sono molti integratori per la salute dell’orecchio che pretendono di trattare l’acufene, ma tuttavia esistono studi sono contrastanti in meritio. Detto questo, il Magnesio ha dimostrato di alleviare la gravità dei sintomi dell’acufene. In un altro studio, gli uomini con acufene che avevano una carenza di vitamina B12 hanno sperimentato un miglioramento significativo dopo aver ricevuto iniezioni intra-muscolari della vitamina. Lo Zinco è un altro nutriente che a volte viene propagandato per migliorare i sintomi dell’acufene, ma gli studi non sono riusciti a dimostrare un legame significativo tra l’integrazione di Zinco e il sollievo dall’acufene.

Amminoacidi ed Acufeni

TAURINA

Parliamo della Taurina.

Uno studio su animali afferma che la Taurina è essenziale per ridurre l’acufene e può anche aiutare a invertire la perdita dell’udito biologico. I danni alle orecchie si verificano nelle cellule nervose responsabili della conversione del suono in segnali elettrici che il cervello può interpretare. Queste cellule nervose dipendono dalla circolazione del calcio per funzionare bene. Quando questa circolazione di calcio si riduce, la Taurina aiuta a ripristinarla e a mantenerla a livelli ottimali.


Altri studi sull’Acufene


Riuscire a dormire con Acufeni

Utilizzare erbe calmanti e sedative finche non riuscite a gestire l’Acufene o migliorarlo con itegratori e strategie proposte.

Quindi saranno utili: Valeriana, Biancospino, Passiflora, Tiglio ecc…


CHE COS'è L'ACUFENE

Dalla pagina Acufene.it (tutto quello che devi sapere sul fischio all’orecchio)

L’acufene viene scientificamente definito come la percezione di un suono in assenza di stimoli esterni. Circa il 20% della popolazione mondiale lo ha avvertito almeno una volta mentre il 2% ne soffre.  Le cause responsabili della genesi di tale fastidio possono essere molteplici e anche molto sfumate.

Diversi elementi sono chiamati in causa come possibili fattori scatenanti tra cui patologie occlusive dell’orecchio esterno, alcuni trattamenti farmacologici, esposizione a rumori intensi, disturbi dell’articolazione temporomandibolare, processi di invecchiamento delle strutture recettoriali dell’orecchio interno, alimentazione, probabilmente tutti coinvolti con importanze diverse, nella genesi dell’acufene, motivo per cui si parla di “patogenesi multifattoriale”.


VITAMINA B12

Acufene e vitamina B12

Come noto l’acufene è una percezione uditiva la cui esatta origine e natura è sconosciuta: può derivare da una sorgente o da un punto trigger nella coclea, nel tronco cerebrale o in altri centri e punti dove non è però presente alcun generatore acustico rilevabile.

Fra i modelli più accreditati c’è quello formulato dal neurofisiologico Jastreboff che considera l’acufene una percezione sottocorticale e il risultato dalla trasformazione di una debole attività neuronale.

Gli autori di questo studio si sono posti l’obiettivo di determinare il ruolo della vitamina B12 nel trattamento dell’acufene cronico. Si è trattato di uno studio clinico pilota, randomizzato e in doppio cieco della durata di 6 settimane. Nello studio sono stati coinvolti 40 pazienti che sono stati assegnati random al trattamento con vitamina B12 (n= 20; terapia intramuscolare con 1 ml di vitamina B12, 2500 mcg, alla settimana) o al trattamento placebo (n=20; soluzione salina isotonica 01 ml per via intramuscolare). Prima e dopo il trattamento i pazienti sono stati sottoposti ad audiometria e valutazione della vitamina B12.

17 persone sono risultate carenti di vitamina B12 (42,5%), considerando quali valori normali 250 pg/ml. Dall’analisi dei risultati è emerso che i pazienti carenti di vitamina B12 trattati con questa hanno registrato miglioramenti statisticamente significativi dei punteggi, sia di quello relativo al tinnito misurato con questionario, sia di quelli relativi alla gravità del disturbo misurato con scana analogica visiva (VAS).

I risultati di questo studio supportano l’ipotesi che la correzione di un’eventuale carenza di vitamina B12 può migliorare l’acufene.


STRATEGIE PER L'ACUFENE

Come Curare l’Acufene in Modo Naturale

Importanza di una Dieta Equilibrata

come curare l'acufene in modo naturale

Una dieta ben bilanciata non solo promuove la salute generale ma può anche influire sulle condizioni dell’acufene. L’alimentazione gioca un ruolo cruciale nel modulare il nostro stato di salute, e alcuni nutrienti specifici hanno mostrato la capacità di influenzare positivamente i sintomi dell’acufene.


CONSIGLI ALIMENTARI

Cosa non mangiare per gli acufeni?

Nella gestione dell’acufene, la dieta gioca un ruolo cruciale. Alcuni alimenti e sostanze possono, infatti, esacerbare i sintomi, rendendo fondamentale conoscerli e possibilmente evitarli. Tra questi, gli alimenti ricchi di sale sono in cima alla lista. Un’eccessiva assunzione di sale può portare ad un aumento della pressione sanguigna, che a sua volta può aggravare i sintomi dell’acufene. Allo stesso modo, alimenti contenenti alti livelli di zuccheri raffinati possono alterare i livelli di zucchero nel sangue e peggiorare i sintomi.

Altri stimolanti come la caffeina e l’alcol sono noti per influenzare negativamente l’acufene. La caffeina, in particolare, può stimolare l’attività nel cervello in modo che possa aumentare la percezione dei suoni dell’acufene. Analogamente, l’alcol, alterando il flusso sanguigno nell’orecchio interno, può intensificare i sintomi. È quindi consigliabile limitare il consumo di caffeina e alcol per coloro che cercano di gestire l’acufene in modo più efficace.

È inoltre importante considerare gli alimenti che possono innescare reazioni allergiche o sensibilità, poiché queste condizioni possono contribuire alla comparsa o all’aggravamento dell’acufene. Alimenti come i latticini o il glutine, per esempio, possono essere problematici per alcune persone. Monitorare la propria risposta a questi alimenti e regolare la dieta di conseguenza può offrire un certo sollievo dai sintomi dell’acufene.

Cosa bere per acufeni?

Al contrario di ciò che non si dovrebbe consumare, esistono anche bevande che possono potenzialmente aiutare nella gestione dell’acufene. L’idratazione è fondamentale; bere abbondante acqua durante il giorno può aiutare a ridurre i sintomi dell’acufene, mantenendo il corpo e le vie circolatorie ben idratate. Questo è particolarmente importante dato che anche una lieve disidratazione può peggiorare i sintomi.

Le tisane, in particolare quelle con proprietà rilassanti e anti-infiammatorie come la camomilla o lo zenzero, possono offrire sollievo. Queste bevande non solo promuovono il rilassamento, ma possono anche avere effetti positivi sulla circolazione, potenzialmente benefici per chi soffre di acufene.

Alcuni studi suggeriscono che il tè verde, ricco di antiossidanti, può avere effetti benefici. Gli antiossidanti nel tè verde possono proteggere le cellule dell’orecchio interno e migliorare la circolazione, possibilmente aiutando a ridurre i sintomi dell’acufene. Tuttavia, dato il contenuto di caffeina nel tè verde, il suo consumo dovrebbe essere moderato, specialmente per coloro sensibili agli stimolanti.

I frullati di frutta e verdura possono essere un ottimo modo per integrare la propria dieta con nutrienti essenziali che possono supportare la salute dell’udito e ridurre l’infiammazione, fattori chiave nella gestione dell’acufene. Scegliere ingredienti ricchi di magnesio, potassio e antiossidanti può fornire un contributo positivo alla riduzione dei sintomi.

Il Ruolo del Magnesio nella Dieta

Alimenti ricchi di magnesio, come verdure a foglia verde, noci e semi, sono stati collegati a una riduzione dei sintomi dell’acufene. Il magnesio, un minerale essenziale, svolge un ruolo vitale in numerosi processi corporei, compresa la funzione nervosa e la circolazione sanguigna. Integrare la propria dieta con cibi ricchi di magnesio può non solo contribuire a una salute generale ottimale ma anche offrire un sollievo specifico per chi soffre di acufene.


L’Impatto degli Stimolanti

Evitare stimolanti come caffeina e alcol può anche essere benefico, poiché possono aggravare i sintomi dell’acufene. Queste sostanze possono influire negativamente sulla qualità del sonno e aumentare i livelli di stress, creando un circolo vizioso che può peggiorare la percezione dell’acufene. Ridurre o eliminare questi stimolanti dalla propria dieta può contribuire significativamente a gestire i sintomi dell’acufene, portando a una migliore qualità della vita.

Uso di Integratori e Erbe Naturali

L’approccio alla cura dell’acufene attraverso integratori naturali ed erbe è una via esplorata con interesse crescente. Questo metodo si basa sulla premessa che alcuni supplementi possono influenzare positivamente la circolazione sanguigna e l’equilibrio nutrizionale del corpo, offrendo potenziali benefici per coloro che soffrono di acufene. Tra i più discussi vi sono il Ginkgo biloba e lo Zinco, entrambi noti per le loro proprietà uniche che potrebbero contribuire alla gestione dei sintomi dell’acufene.


GINKGO BILOBA

Ginkgo biloba

Il Ginkgo biloba è celebre per la sua capacità di migliorare la circolazione sanguigna, particolarmente verso il cervello e le estremità del corpo. Questa erba, usata per millenni nella medicina tradizionale cinese, si pensa abbia effetti positivi anche sulla circolazione nell’orecchio interno, luogo chiave nella percezione dell’acufene.

Alcuni studi suggeriscono che il Ginkgo biloba possa ridurre i sintomi in alcuni pazienti, anche se la ricerca è ancora in fase di approfondimento. Importante è consultare il proprio medico prima di iniziare qualsiasi integrazione, per assicurarsi che non ci siano interazioni con altri farmaci in uso.


ZINCO

Zinco

L’importanza dello Zinco nella salute dell’orecchio è ben documentata, con una carenza di questo minerale che può essere correlata a casi di acufene. Lo Zinco svolge un ruolo cruciale in molteplici processi cellulari, compresa la neurotrasmissione, e il suo apporto adeguato può contribuire al benessere dell’udito.

Integratori di Zinco possono quindi essere considerati come parte di un approccio di cura, specialmente per coloro la cui dieta potrebbe non fornire quantità sufficienti di questo nutriente essenziale. Come sempre, è vitale discutere di questa integrazione con un professionista della salute, per assicurarsi che gli integratori di Zinco siano una scelta sicura e appropriata basata sul proprio stato di salute e storia medica.


TERAPIE DEL SUONO

Terapie del Suono e Ambienti Acustici

La terapia del suono rappresenta una frontiera promettente nel trattamento dell’acufene, sfruttando il potere dei suoni esterni per modificare la percezione del disturbo o per mascherarlo completamente. Tale approccio, altamente personalizzabile, spazia dall’uso di apparecchi acustici a generatori di suono bianco, fino a includere app mobili specificamente sviluppate per chi soffre di acufene. Queste tecnologie non solo offrono un sollievo immediato dal ronzio costante ma possono anche, nel tempo, aiutare il cervello a “riconfigurarsi”, riducendo così la percezione dell’acufene.

  • Il ricorso a suoni di fondo, quali il rumore bianco o i suoni rilassanti della natura, emerge come una strategia efficace per mascherare l’acufene. Questo metodo si basa sul principio della distrazione sonora, che può aiutare a ridurre l’impatto del ronzio o del fischio all’interno dell’orecchio, migliorando la concentrazione e favorire il rilassamento. Suoni come il mormorio di un ruscello, il fruscio delle foglie o la pioggia delicata possono creare un ambiente acustico più piacevole, che aiuta a distogliere l’attenzione dai sintomi dell’acufene.
  • L’impiego di apparecchi acustici può rivelarsi particolarmente utile quando l’acufene è accompagnato da perdita dell’udito. Questi dispositivi non solo amplificano i suoni esterni, ma possono essere programmati per generare specifici suoni di mascheramento che aiutano a neutralizzare il suono dell’acufene. In questo modo, gli apparecchi acustici possono facilitare una doppia funzione: migliorare la capacità di udire l’ambiente circostante e contemporaneamente ridurre la percezione dell’acufene, offrendo un significativo sollievo ai pazienti.

Fonte articolo:

CONDROITINA, UNO STUDIO SPERIMENTALE

Supplementazione magnesio e condroitina solsfato: nuovo protocollo farmacologico per l’acufene


Liberatoria (Disclaimer)

Dichiarazione di non responsabilità: questo articolo non è destinato a fornire consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Vitamineral non si assume responsabilità per la scelta degli integratori proposti eventualmente nell’articolo.


image_pdfsalva articolo in PDFimage_printstampa articolo o scarica contenuti